Unimamme, oggi vi parliamo della storia di un bimbo che ha subito atti di bullismo a scuola.

Amanda Makris è la mamma del piccolo George, un bambino autistico vittima di bullismo.

Il 22 agosto scorso la donna ha deciso di rendere pubblica l’immagine del figlio con un polso slogato e disperato per i continui maltrattamenti a scuola.

George ha 12 anni e viene bullizzato dal 2015 a causa della sua passione per la musica classica. In giugno uno dei ragazzi che lo tormenta lo ha preso a calci in aula, con il professore presente causandogli la slogatura di un polso.

In quell’occasione il ragazzino ha confessato alla mamma di avere pensieri suicidi.

“Lui è stato continuamente deluso dalla sua scuola, al punto che ora ha bisogno di una terapia per i suoi pensieri suicidi. Io ho provato e riprovato con la scuola e i professionisti per farla funzionare, ma senza successo. ..”

Dopo aver condiviso questa situazione sul suo profilo Amanda ha ricevuto il sostegno di molte persone.

So che non avrei dormito. Ho letto tutti i vostri commenti riguardanti George e sono sopraffatta dalla mole dei bei messaggi e condivisioni delle persone per rendere tutti consapevoli degli effetti del bullismo sulle persone. Le ferite possono guarire ma  guarire la mente richiede più tempo… Grazie dal profondo del mio cuore.”

Desiderando rallegrare un po’ il figlio, dopo quanto accaduto, Amanda ha invitato tutti a inviare delle cartoline per dimostrargli che non tutte le persone sono cattive.

Il bimbo ha ricevuto più di 200 cartoline e più regali di quanti ne avrebbe mai immaginati, inclusi 2 castelli gonfiabili per festeggiare e una limousine per lui e gli amici.

George è stato anche accolto da una gang di motociclisti.

“Non riesco a descrivere il mio compleanno a parole. Questo è stato uno dei più bei compleanni da tanto tempo. Mi ha dato una grande spinta di fiducia in me stesso. Mi sono divertito tanto”.

La storia di George ha avuto parecchia risonanza, soprattutto tra i genitori dei bimbi con autismo. Un vicino del bimbo, anche lui affetto da autismo, è stato il primo a inviargli a una cartolina e quindi è stato invitato alla festa.

“Sua mamma ha detto che ha pianto perché lui non viene mai invitato alle feste dal momento che non ha amici, ma ora ne ha. Ci sono state molte storie da cui prendere ispirazione e le persone mi hanno chiesto consiglio.”.

Un po’ di tempo dopo la mamma di George ha pubblicato un aggiornamento, raccontanto che il ragazzino adesso è alle superiori che si trova bene. Il Preside della scuola l’ha chiamata per lodare il figlio. “Il futuro sembra luminoso per George e spero che possa lasciarsi alle spalle il bullismo. A volte ha degli incubi su cosa gli è successo, ma col tempo spero che cesseranno.

Unimamme, voi cosa ne pensate della storia raccontata da questa mamma su Facebook?

Noi vi lasciamo con la storia di un bimbo lasciato solo per il suo compleanno.