Il “Cesto dei tesori”: il gioco che sviluppa l’apprendimento dai 6 mesi (FOTO)

La puericultrice Emma Mandelli spiega a un gruppo di mamme i benefici offerto dal “Cesto dei Tesori”, una modalità di gioco ideata da una delle educatrici più più importanti del secolo: Elinor Goldschmied.

uriel con cesto dei tesoriMolti dei giochi che troviamo attualmente in commercio, a prima vista molto attraenti per forma e per colore, in realtà non presentano idonei stimoli sensoriali per il bambino quindi, non soddisfano il suo bisogno di scoperta, e verranno presto accantonati in un angolo dopo un primo momento di apparente interesse.

Perché il bambino giochi di sua iniziativa è necessario che nell’ambiente in cui vive abbia a disposizione materiali diversi dai giocattoli confezionati, materiali che facciano venir voglia al bambino di fare, che forniscano opportunità di percezioni variate e gradevoli e si prestino all’esplorazione e alla combinazione.

Elinor Goldschmied  come Maria Montessori, Adele Costa Gnocchi, le sorelle Agazzi, Margherita Zoebeli, Elda Scarzella, ed Emmi Pikler, sono importanti educatrici del ‘900 che si sono adoperate per il benessere dei bambini e degli adulti che li curano.

Le idee di Elinor Goldschmied e la sua pratica  sono ancora oggi un‘importante base per chi si occupa della cura della prima infanzia.

Elinor Goldschmied e il cesto dei tesori

Inglese di nascita, Elinor ha lavorato nel campo della formazione per 30 anni in vari Paesi oltre che in Italia: Inghilterra, Scozia, Spagna e Francia.  Negli anni ’50 a Milano ha  collaborato con Elda Scarzella, che nel dopoguerra aveva aperto e dirigeva un servizio educativo per l’accoglienza di madri nubili e adolescenti: Il Villaggio della Madre e del Fanciullo .

Nel 1958  insieme danno avvio al nido interno della  nuova sede ubicata nel quartiere QT8 a Milano,  è proprio lì che Elinor definisce il termine Treasure basket” (Cesto dei tesori).

 

carlo e cesto dei tesoriGoldschmied  ha lavorato soprattutto  sull’osservazione e sul gioco dei bambini nei primi tre anni di vita e, pur trovandosi in quei difficili anni in situazioni di mancanza costante di mezzi e materiali,  ha sviluppato proposte di grande creatività e attualità. Nel 1959 si trasferisce a Londra,  ritornando con regolarità  in Italia dal 1978 al 1998 per dedicarsi alla formazione delle educatrici degli asili nido comunali di Milano e di altre città italiane.

Quando ero in attesa della mia seconda figlia Uriel, ho sentito parlare di Elinor  Goldschmied e del suo approccio educativo dalla dott.ssa  Emma Mandelli:  puericultrice, educatrice ed artista che ha condotto nella biblioteca che frequentavo un laboratorio creativo, grafico-pittorico e di cucito  dedicato alle gestanti.

lorenzo e cesto dei tesoriLa dott.ssa Mandelli si è formata secondo l’approccio definito dalla Goldschmied ed è stata a diretto contatto proprio con lei. Nell’asilo nido di Milano nel quale lavorava, la dirigente dott.ssa Mimma Noziglia, psicologa psicoterapeuta,  ha infatti invitato la Goldschmied  per condurre  corsi di formazione per il personale educativo. La dott.ssa Mandelli ci ha raccontato che Elinor organizzava la formazione sempre attraverso la pratica dell’educazione attiva, coinvolgendosi e chiedendo coinvolgimento: era fondamentale, per lei, che le educatrici  avessero la possibilità di osservare e quindi capire per esperienza quanta passione, concentrazione, progettualità e perseveranza ogni bambino può sviluppare se messo in condizione di prendere iniziative e svilupparle seguendo un ritmo personale.

Nell’ intervista a Goldschmied di F. Cremaschi pubblicata  nel 1979 su  “Zerosei” n. 4/5 dicembre “I bambini non possono aspettare, (che è anche il titolo originale del suo libro), Goldshmied afferma che i primi  anni di vita del bambino sono di fondamentale importanza, che lo sviluppo  sia fisico che della capacità mentale avviene con estrema rapidità in questo periodo e bisogna quindi sfruttarlo. Ma quali sono i metodi per sfruttare al meglio questo tempo? Vediamoli insieme.

Firma: Francesca Peluso

1 di 3

Notizie Correlate

Commenta