“Il volto di mia figlia mangiato vivo per un bacio”: l’appello di una mamma

Una bambina ha vissuto un incubo lungo quasi un anno a causa di un banale bacio di un famigliare.

Unimamme, solo poco tempo fa avevamo condiviso con voi la storia di una mamma che consigliava di non lasciare che nessuno baci i bambini sulla bocca per un motivo preciso, oggi ritorniamo su questo tema non per creare allarmismo, ma per rendervi più consapevoli nei confronti della salute dei vostri piccoli.

Una bimba ha un brutto sfogo sul volto: colpa dell’herpes

Sienna Duffield è una bambina di 3 anni che ha già dovuto affrontare un periodo difficile nonostante la sua età.

Nell’ottobre dei 2015 la piccina ha dato un bacio a un componente della famiglia che aveva l’herpes e l’ha contagiata.

L’herpes si è esteso a tutto il volto della piccolina causandole una grave infezione. La mamma di Sienna, Savina French Bell, doveva cambiare le lenzuola e buttare i vestiti della figlia a causa delle perdite di sangue.

Le vesciche causavano molto prurito alla bambina e quindi il suo volto era spesso ricoperto di sangue e pus.

La situazione di Sienna era così grave che l’hanno dovuta mettere sotto flebo perché aveva smesso di mangiare. Nel frattempo la mamma ha chiesto consiglio su come trattare la malattia della figlia, facendosi suggerire creme e antibiotici che potessero impedire un peggioramento dell’herpes.

“Sienna veniva mangiata viva dall’infezione sul volto” ha dichiarato la mamma sul Mirror “era come se qualcuno le avesse versato dell’acido addosso, si è esteso dalla bocca alle guance e fin sopra gli occhi”.

 

pay-child-with-herpes-on-face

Ad un certo punto mi sono ricordata che aveva baciato un membro della nostra famiglia che l’aveva contagiata…eravamo tutti distrutti”.

“Ha smesso di mangiare e ogni giornata negli otto mesi successivi è stata un incubo, c’era sempre sangue sui suoi vestiti, io avevo paura a portarla fuori”.

“Le persone ci lanciavano delle occhiatacce, i bambini la fissavano, gli adulti facevano commenti cattivi”.

Gli antibiotici non funzionavano e quindi l’infezione persisteva, devastandole il volto.

4

“Ci hanno dato tutte le creme disponibili, ma l’infezione continuava a tornare, era sconvolgente”.

Savina ha cercato di evitare in tutti i modi che le condizioni della figlia peggiorassero impedendole di mangiare alcuni cibi e consumare bevande specifiche.

La donna ha portato la bimba a fare alcuni test per le allergie. “Mi hanno detto che poteva essere allergica a qualcosa quindi l’ho tenuta lontano dai cuccioli e dai prodotti caseari”.

pay-child-with-herpes-on-face-2

Tutto questo però è stato inutile. “Persino i dottori erano perplessi e non avevano idea di cosa le avesse causato il virus”.

“Il volto ha impiegato molto tempo a guarire perché il suo corpo era debole. Ogni giorno la sua pelle si attaccava ai cuscini e c’era sangue ovunque”.

La mamma provava a impedire alla figlia di grattarsi ma lei usava le superfici come il divano per calmare il prurito.

Finalmente l’infezione è passata e ora Savina spera che non ritorni più. Purtroppo esiste sempre la possibilità che questo avvenga, ma teniamo le dita incrociate affinché la sua pelle rimanga nell’ottimo stato in cui si trova adesso”.

tre5

“Mi hanno detto che crescendo il suo corpo diventerà sempre più in grado di combattere le infezioni, è fantastico poter andare fuori e non ricevere più brutti commenti da tutti”.

Mentre prima le persone erano cattive con Sienna, ora tutti sono stupiti da come sia guarito il suo volto e questa è una cosa fantastica da vedere”.

Unimamme, conoscendo questa storia permetterete ancora a persone con l’herpes di baciare i vostri bambini?

Noi vi lasciamo con la storia di Jayden, un bimbo emarginato perché affetto da una malattia rara.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta