La prima maestra d’asilo con la Sindrome di Down argentina (FOTO)

Noelia Garella, la prima maestra d’asilo con la Sindrome di Down in Argentina.

Nella giornata dedicata alla Sindrome di Down non si può fare a meno di sottolineare quanto possa essere ricca e sfaccettata la vita di queste persone e quanto possano dare alla società.

Maestra con sindrome di Down: il caso di Noelia Garella

La trentunenne Noelia Garella detiene un primato: è la prima insegnante con la Sindrome di Down in Argentina e una delle poche in tutto il mondo.

Proprio lei, che da bambina era stata rifiutata da una scuola materna, che l’aveva bollata come “mostruosa” ora è diventata maestra in un asilo.

“Adoro tutto questo, fin da quando ero bambina ho sempre sognato di diventare un’insegnante, perché mi piacciono molto i bambini”.

Noelia insegna in un asilo a Jermonito e i suoi piccoli di 2-3 anni la adorano.

“Voglio che leggano e ascoltino, perché nella società le persone devono ascoltarsi l’un l’altra” ha rivelato sull’Indipendent.

La sua determinazione le è stata d’aiuto per essere assunta nonostante le riserve di alcune persone del quartiere in cui insegna.

Inizialmente infatti una delle persone del team dell’asilo si era opposta alla sua assunzione, ma l’ex direttrice della scuola, i genitori e persino il sindaco erano dalla sua parte.

Col tempo anche chi aveva delle riserve si è unito all’iniziativa di assumere Garella” ha riferito la direttrice aggiungendo che Garella possiede una grande vocazione per questo lavoro e dà ai bambini tutto ciò di cui c’è bisogno: amore.

Per i colleghi di Garella è stata un’esperienza unica” puntualizza Susana Zerdan, attuale direttrice il modo in cui i bambini l’hanno incorporata in modo naturale nella scuola, lì c’è una lezione di vita per tutti“.

“Mi sono sempre sentita a mio agio con i bambini, i loro genitori mi vogliono bene e gli altri insegnanti e la direttrice sono meravigliosi”.

Nel tempo libero le piace ballare balli latini. Il suo sogno è quello di avere dei bambini suoi.

“Nella mia classe c’è un bimbo con la Sindrome di Down ed è magnifico, è bello avere qualcuno che sia nato come me”.

 

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa bellissima storia che ci insegna molto su inclusione e capacità di superare i pregiudizi?

Vorreste un insegnante con la Sindrome di Down per i vostri bimbi?

Noi vi lasciamo con la storia di Mélanie, una ragazza con la Sindrome di Down il cui sogno era quello di presentare il meteo.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta