Una bambina con la Sindrome di Asperger scrive una lettera per un lavoro in un supermercato e riceve un’incredibile risposta (FOTO)

Sindrome di Asperger


 

Le persone con la Sindrome di Asperger spesso faticano a trovare un lavoro, ma la piccola Carina Brooks, di soli 8 anni ne ha uno assicurato come assistente in un supermercato della catena Aldi.

La piccina ha cominciato a pulire gli scaffali mentre faceva shopping con la mamma, così il personale le ha suggerito di fare richiesta per un lavoro a tempo pieno.

Loro scherzavano, ma la piccola, proprio a causa della Sindrome di Asperger, una forma di autismo che le rende difficile le interazioni sociali, ha preso alla lettera l’invito.

fratelli e manager


 

Così Carina ha scritto la lettera spiegando che voleva davvero quel lavoro:

“Caro proprietario del negozio,

mi piacerebbe molto trovare lavoro nel tuo negozio, vivo a…

Ho 8 anni e vorrei un lavoro come persona che pulisce il negozio e, quando sarò più grande, come addetta al registratore di cassa.

Ora sono un po’ giovane ma voglio davvero questo lavoro.

Il mio numero di telefono è…

Sinceramente vostra

Carina”.

lettera bambina


 

Il manager del negozio: Oliver Tingey, colpito dalla lettera della bimba, le ha spiegato che il lavoro non le può essere offerto fino a 16 anni e che quindi conserverà il file di Carina fino a quel momento mentre invece ha deciso di offrirle delle caramelle per quello già svolto.

Linda, la mamma della bimba, che si occupa a tempo pieno della piccola e del fratello dichiara: “Carina prende le cose molto sul serio e quando ha detto che voleva proporsi per il lavoro ho visto quanto era determinata e non volevo fermarla. Ho anche pensato che non c’era niente di male. Non avrei mai creduto che arrivasse a parlare con il manager, credevo che l’avrebbero semplicemente liquidata “.

Carina Brooke


 

“Gli devo un enorme grazie per il modo in cui l’ha gestita. A causa della sua Sindrome di Asperger Carina prende molto a cuore le cose e avrebbe potuto rimanere ferita se lui non avesse gestito la cosa così bene, ma lui ha mostrato grande rispetto per i sentimenti di mia figlia ha aggiunto la mamma di Carina.

Da parte sua Oliver, il manager del negozio, si è espresso così circa Carina: “è stato favoloso incontrare Carina, lei è stata una grande risorta per il negozio durante le sue visite”.

bimba in negozio

Carina, a cui piace ballare, danzare e recitare è riuscita a coinvolgere nella sua attività di piccola aiutante anche il fratello maggiore Carrick, rimasto colpito dai dolci ricevuti dalla sorellina.

“Andare a fare shopping con 2 bambini può essere stressante e quando entrambi hanno la Sindrome di Asperger questo può aggiungere ulteriori complicazioni” commenta Linda, sollevata.

Unimamme e voi cosa ne pensate di questa bellissima storia?

A volte basta un piccolo gesto di sensibilità per rendere felice un bambino.

famiglia brooks


 

 

 

 

 

 

 

(Fonte: Mirror.co.uk)