Dopo lo scandalo dello scambio di embrioni, scopriamo il “nuovo” ospedale Pertini di Roma

fecondazione assistita


 

Fecondazione assistita: una strada che molte coppie decidono di intraprendere quando non riescono a concepire naturalmente. Si tratta di un percorso ricco di aspettative e speranze, che a volte dà l’immensa gioia di diventare genitori e a volte purtroppo non porta a buon fine.

Una delle strutture pubbliche più importanti è l’Ospedale Pertini di Roma, che è finita al centro di uno scandalo circa un anno fa per uno scambio di embrioni tra due coppie.

Il procedimento penale è ancora in corso, ma nel frattempo il reparto riguardante la cura dell’infertilità dell’Ospedale Pertini – dopo un periodo di chiusura – è stato ufficialmente riaperto nel marzo scorso con una nuova procedura per la sicurezza e con nuovi brillanti risultati in poco tempo (6 mesi):

  • sono infatti state aperte 606 nuove cartelle cliniche,
  • eseguite oltre 3000 prestazioni
  • ed effettuati oltre 200 cicli di PMA (Procreazione Medicalmente Assistita).

Abbiamo intervistato per voi il nuovo Direttore, il Professor Rocco Rago, Primario dell’Unità Operativa di Fisiopatologia della Riproduzione e Terapia della Sterilità, già docente di Endocrinologia all’Università “Sapienza” Università di Roma- Polo Pontino, Coordinatore della Commissione Didattica SIAMS (Società Italiana di Andrologia e di Medicina della Sessualità) e Segretario SIAMS del Lazio.

Professor Rago, che età hanno in media le coppie che si rivolgono a voi? 

Le donne che si rivolgono al nostro Centro hanno una età media superiore ai 38 anni, con maggiore rappresentatività della fascia che va dai 30 ai 40 anni ma con un numero significativo anche di coppie over 42.

Quali sono i costi di accesso al servizio?

La FIVET/ICSI (l’inseminazione di un ovulo tramite la microiniezione di uno spermatozoo al suo interno) e il prelievo ovocitario costano 1400 euro, il trattamento biologico dei gameti  (ovociti e spermatozoi) per la procreazione medicalmente assistita 700 euro, mentre il prelievo testicolare di spermatozoi  700 euro.

Quali sono mediamente i tempi d’attesa?

Abbiamo una organizzazione che ci consente di non avere lista di attesa e pertanto la coppia entra nel trattamento di PMA in continuum con il processo diagnostico e terapeutico.

Qual è la percentuale di successo?

La nostra percentuale di successo devo dire è molto incoraggiante; consideri che siamo una struttura che ha riaperto da poco e si sa, quando la macchina inizia a muoversi non è mai al massimo delle sue possibilità considerando anche il fatto che è cambiato il responsabile e l’equipe biologica. Ciononostante  io e i miei colleghi siamo rimasti molto soddisfatti: abbiamo un tasso di gravidanza superiore al 38% nelle donne tra i 35 e 40 anni  e del 16% oltre i 40 anni.

dati pertini

dati pertini 2

(Fonte: Ospedale Pertini)

Ci può raccontare una storia di una coppia che l’ha colpita durante il percorso per diventare genitori?

Mi ha colpito la storia fortunosa e a lieto fine di una coppia che era giunta da noi per caso circa 2 mesi fa, già seguita altrove e che la mia equipe aveva calendarizzato per una inseminazione intrauterina. Nel corso del monitoraggio la signora ha avuto una risposta alla stimolazione superiore all’attesa per la tipologia di tecnica. Se avessimo avuto un’organizzazione per cicli programmati o una lista di attesa lunga, la coppia sarebbe stata invitata a soprassedere ed avrebbe quindi perso una opportunità. Viceversa la coppia è stata virata da una  tecnica di I livello ad una di II livello (cioè prelievo ovocitario e fecondazione in vitro) senza interrompere quindi il programma che l’avrebbe potuta portare alla gravidanza. È così è stato, la signora è oggi in dolce attesa. Naturalmente questo è un caso da manuale ma esprime l’elasticità dell’organizzazione che pone al centro la coppia e non la struttura.

Tutte le info per accedere al servizio

Ecco poi qualche informazione in più sull’accesso tratte dalla Carta dei Servizi:

Centralino Ospedale Sandro Pertini: 06/41431- 06/41439
Sito internet: www.aslromab.it
CUP Regione Lazio: 803333
Segreteria della UOSD: 06/41433975 fax 06/41433349

La segreteria è aperta al pubblico dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.00 per informazioni relative all’acceso al Centro, appuntamenti successivi alla 1° visita  e ritiro referti.

Telefonicamente, dalle 12.000 alle 13.30 solo per informazioni e prenotazione visite successive.

Dalle 14.30 alle 15.30  il numero della segreteria è a disposizione dei pazienti già in trattamento che necessitano di un colloquio telefonico con i medici per  comunicazioni urgenti, chiarimenti relativi a dubbi terapeutici, informazioni varie relative al percorso clinico e terapeutico in atto.

Seguono le prestazioni prenotabili tramite CUPagli sportelli della ASL ROMA B (in possesso dell’impegnativa del medico): 

  • 1° VISITA GINECOLOGICA PER STERILITA’
  • 1° VISITA ANDROLOGICA PER STERILITA’
  • 1° VISITA ANDROLOGICA
  • ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE
  • ECOGRAFIA TESTICOLARE ED ECOCOLORDOPPLER SCROTALE
  • SONOISTEROSALPINGOGRAFIA

Tutte le altre PRESTAZIONI (VISITE SUCCESSIVE ALLA 1°, PROCEDURE DI PMA, COLLOQUI POST TRAMMENTO DI PMA, DIAGNOSTICA ECOGRAFICA FEMMINILE) vengono prenotate PRESSO IL CENTRO  direttamente E/O  telefonicamente.

Queste sono solo alcune delle informazioni che troverete sul sito dell’Azienda Usl Roma B, dove sono presenti

  • le istruzioni per la PRIMA VISITA (per la quale è richiesta la doppia impegnativa: visita ginecologica per sterilità e visita andrologica per sterilità)
  • le istruzioni  per lo SPERMIOGRAMMA
  • le istruzioni  per la DIAGNOSTICA ECOGRAFICA FEMMINILE

tutte molto complete e ben spiegate.

Sperando di esservi state utili, vi auguriamo di cuore unimamme di coronare il vostro sogno!