Nicole Kidman: “alle mie figlie vieto lo smartphone e i social”

Nicole Kidman mamma severa

Nicole Kidman vieta alle figlie il cellulare e lo smartphone.

Nicole Kidman, oltre a Isabella e Connor, adottati insieme a Tom Cruise, ha anche altre due bambine: Sunday Rose di 10 anni e Faith Margaret di 8, avute dal compagno Keith Urban.

Nicole Kidman: le sue regole da mamma severa

L’attrice australiana, nel corso di un’intervista rilasciata a Vanity Fair ha dichiarato che le figlie più piccole non hanno un telefono e un account Instagram.

“Non hanno un telefono e non permetto loro di usare Instagram. Cerco di porre dei limiti”.

La Kidman può apparire una mamma severa, ma nonostante gli impegni come attrice cerca di essere una mamma presente nella vita delle sue piccole, portandole sul set quando è possibile.

Sia Sunday Rose che Faith Margaret hanno una passione per la musica. Faith suona il violino, mentre Sunday suona il pianoforte.

Solo quest’ultima, però, è interessata anche al lavoro di attrice.

«Mi ha mostrato un film sull’ipad realizzato con i suoi amici. Forse è solo una fase. Nessuno dei genitori, però, spinge i figli a seguire le proprie orme. Ho capito che non puoi costringere i figli. Puoi spingerli un po’, ma la motivazione è qualcosa di più difficile. Io non sono stata costretta da nessuno a fare l’attrice, semmai hanno cercato di scoraggiarmi”.

Naturalmente le regole in casa sono state decise insieme al compagno Keith Urban. Per quanto riguarda gli altri figli, Connor ha 24 anni, mentre Isabella 26.

Connor si occupa di musica e vive a Miami, mentre Isabella è sposata e ha lanciato una linea di magliette: BKC (Bella Kidman Cruise). La figlia maggiore della Kidman abita a Londra.

“Bella vive appena fuori Londra. Si sente davvero più inglese. Vivevamo lì per Eyes Wide Shut, Mission Impossible e The Portrait of a Lady”.

Unimamme, cosa ne pensate della ammissioni della Kidman sull’educazione delle figlia più piccole?

Siete d’accordo sulle sue rigide regole di cui si parla su Vanity Fair?

Leggi anche > I bambini danneggiati dal tempo trascorso davanti a tablet e smartphone