“Quello che è successo a mio padre mi ha cambiato”: Cesare Cremonini si confessa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:26

Cesare Cremonini

Cesare Cremonini ha parlato del rapporto con suo padre e con Dio.

Unimamme, oggi vi parliamo di un’intervista con cui il noto cantante Cesare Cremonini ha parlato di sè e del suo rapporto col padre.

Cesare Cremoni parla della malattia del padre

Quest’ultimo è stato colpito da un ictus. “Qualche anno fa mio padre ebbe un ictus davanti a me, a cena. Stavamo passando una bella serata in due in Piazza Santo Stefano, una delle più belle cartoline di Bologna, quando le sue parole cominciarono a cadere sul tavolo”.

La situazione è peggiorata rapidamente.

“La sua voce spariva e tornava accompagnata da un fortissimo mal di testa. Decidemmo di tornare a casa. Una volta arrivati nelle campagne fuori Bologna dove ancora vive, smise di parlare. Lo portati in ospedale attraversando chilometri di strade in mezzo ai campi senza badare a semafori o agli incroci. Continuavo a raccontargli di quando ero piccolo e lui mi addormentava con delle improbabili favole inventate”.

Nel momento del dramma Cremonini ha sentito il bisogno di trovare conforto in Dio.

“Improvvisavo alla meglio per cercare di tenerlo sveglio, mentre lui emetteva frasi sconnesse. Arrivati all’ospedale Sant’Orsola lo operarono immediatamente e mi ritrovai a pregare per lui nella sala di aspetto. ‘Dio fammi risentire ancora una volta la sua voce!’  Anche se vorrei non capitasse mai più, quel momento ha cambiato profondamente la mia vita, il mio rapporto con lui e la mia spiritualità”.

L’intervento riuscì e dopo due settimane di silenzio e balbettamenti mio padre tornò a pronunciare il mio nome correttamente. La voce è la cosa più importante che abbiamo. Ciò che ci lega ad ogni persona che amiamo, ciò che ricorderemo di ogni nostro incontro con gli altri”.


Unimamme, cosa ne pensate delle dichiarazioni del cantante di cui si parla sul Corriere?

leggi anche > Ictus: i segnali di allarme che devono far scattare un intervento tempestivo