Affidi illeciti a Bibbiano: tre nuovi indagati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58
Bibbiano 3 indagati
fonte: iStock

Ci sono altri 3 indagati per la vicenda degli affidi illeciti a Bibbiano.

Unimamme, vi avevamo appena parlato dello scandalo riguardante l’affidamento di un incarico alla psicologa Nadia Bolognini quando lei era stata già coinvolta nell’indagine Angeli e Demoni sugli affidi illeciti in Val D’Enza.

Bibbiano: nuova grave scoperta

La Bolognini è la moglie di Claudio Foti, il guru del centro Hansel e Gretel che forniva consulenza in questi casi ora fniti al vaglio degli investigatori.

Il caso specifico della Bolognini si riferisce a una consulenza affidatale dai Comuni Modenesi area Nord il 3 luglio scorso, quando la psicologa era agli arresti domiciliari.

Le Procure di Modena e Reggio Emilia, a seguito delle segnalazioni si sono attivate coinvolgendo nella nota inchiesta altre 3 persone.

Si tratterebbe di un “incarico mascherato” e di una determinata retroattiva con cui l’amministrazione impegna i fondi 13 589 Euro dal 1 giugno 2019.

Si aumentava così l’importo retroattivo da 110 a 127 Euro al giorno per le prestazioni della Bolognini.

L’Unione dei Comuni però ci tiene a sottolineare che quando è venuta alla luce l’inchiesta l’incarico è stato revocato.

Con decisione congiunta del Servizio Minori e del Servizio di Neuropsichiatria dell’Ausl di Modena, Distretto di Mirandola, il 2 luglio 2019 è stata annullata l’integrazione del progetto e, conseguentemente, della retta“.

LEGGI ANCHE > AFFIDI ILLECITI A BIBBIANO, BAMBINA RIVEDE I GENITORI DOPO 2 ANNI

La data del 3 luglio figura sulla determina, ma all’atto “non è stata data alcuna esecuzione in quanto sospeso nei suoi effetti due soli giorni lavorativi dopo la notizia dell’inchiesta”.

Quindi i Comuni sostengono di non aver più dato incarichi alla Bolognini dopo il suo coinvolgimento nell’inchiesta.

La donna è indagata per abuso d’ufficio. In una delle intercettazioni che la riguardano cercava di far sparire dai ricordi del piccolo paziente l’immagine del padre.

“Dobbiamo fare una cosa grossa.. Sai qual è? Gli psicologi la chiamano elaborazione del lutto (…) Dobbiamo vedere tuo padre nella realtà e sapere che quel papà non esiste più“.

Unimamme, cosa ne pensate di qest’ultimo sviluppo dell’inchiesta di cui si parla su Repubblica?