Samara challenge: semina terrore e violenze – FOTO & VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Samara challenge

La Samara Challenge genera turbamento a Lamezia Terme, ma non solo.

Unimamme, alcune di voi certamente ricorderanno Samara, la bambina di The Ring, celeberrimo film horror dei primi anni Duemila.

Samara Challenge: violenze e spaventi

Bene, di recente, sul web, ma anche nelle strade italiane, si è diffusa una sfida di fine estate: la Samara Challenge.

Si tratta di una sfida, appunto, che si ispira a Samara Morgan, la protagonista di The Ring di cui vi accennavamo qui sopra.

La challenge consiste nell’aggirarsi per le vie dei centri abitati, di notte indossando una veste bianca e parrucca per spaventare i passanti.

Questa mania, partita dalla Sicilia e diffusasi in zone dell’hinterland napoletano, si è poi estesa a macchia d’olio in alcune città del sud mettendo addirittura in pericolo delle persone.

A Taranto lo “scherzo” è finito male, la ragazza vestita di bianco e con i lunghi capelli neri è comparsa nel quartiere Tramontone, nella periferia della città, ma lì è stata inseguita e picchiata da alcuni giovani.

A Foggia, invece, ci sono stati decine di avvistamenti. Nel rione Candelaro i passanti si sono vendicati dello spavento aggredendo la Samara di turno.

LEGGI ANCHE > CONDOM SNORTING CHALLENGE LA SFIDA VIRALE MOLTO PERICOLOSA – VIDEO

A Cerignola ci sono state ronde punitive, mentre due donne di Lesina sono state denunciate per aver travestito la figlia minore da Samara e averla porta in diverse zone del Paese. Le donne sono state poi denunciate per procurato allarme.

Un altro fatto grave è quello avvenuto a Lamezia Terme, sempre seguendo la scia di questa assurda e pericolosa sfida.

Qui, la notte scorsa, un centinaio di persone ha fatto irruzione in un palazzo vicino all’ospedale locale per cercare la persona che si aggirava con le sembianze di Samara.

Le persone alla ricerca di Samara hanno addirittura aperto il cofano di alcune auto per controllare che non si fosse nascosta lì.

Poi, il branco, armato di bastoni e spranghe di ferro è entrato nella palazzina distruggendo il portone.

Gli inquilini hanno dovuto chiamare i carabinieri.

Avvistamenti di questo tipo ci sono stati ormai in Calabria, Lazio, Sicilia, Campania, Puglia.

Dure, ovviamente, le reazioni degli psicologi.

La psicologa Veronica Buccoliero commenta i fatti di Tarantosu La Voce di Manduria: “non è una sfida ma è lo specchio della società male educata alle emozioni. A me fa paura il branco che attacca e non riconosce la propria paura, alla goliardia talvolta si può rispondere anche con l’ironia, non con le “mazzate”.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa pericolosa mania di cui si parla su Il Mattino?