Da bere solo acqua e latte ai bambini fino a 5 anni, niente bibite zuccherate
Da bere solo acqua e latte ai bambini fino a 5 anni, niente bibite zuccherate

Da bere solo acqua e latte ai bambini fino a 5 anni, niente bibite zuccherate

Dare ai bambini fino a 5 anni solo acqua e latte (Foto iStock)

Da bere solo acqua e latte ai bambini fino a 5 anni, niente bibite zuccherate. Le indicazioni dei pediatri americani.

Per la salute e il benessere dei bambini è importantissima l’alimentazione, che va curata fin dai primissimi anni di vita. Dopo il latte materno, che secondo l’Oms va dato ai bimbi almeno fino ai 6 mesi di vita, possibilmente come alimento esclusivo, va prestata molta attenzione allo svezzamento del bambino. Vanno sempre seguiti i consigli di pediatri ed esperti nutrizionisti, evitando di fare di testa propria e soprattutto non bisogna avventurarsi in regimi alimentari “alternativi”.

Quello che può andare bene per l’adulto può essere molto dannoso per un bambino, soprattutto quando è molto piccolo. Tra gli alimenti potenzialmente pericolosi non ci sono solo quelli legati a diete particolari e strane, ma anche quelli che consumiamo abitualmente, senza pensarci troppo, e che invece non vanno bene per i bambini piccoli.

Tra questi alimenti da evitare ci sono le bevande zuccherate, dei cui effetti poco salutari vi abbiamo più volte parlato. Ora le bibite, ma anche le bevande con caffeina e la cioccolata, sono state messe al bando dai pediatri americani per i bambini sotto i 5 anni di età. Cosa bisogna sapere.

Da bere solo acqua e latte ai bambini fino a 5 anni

No alle bibite e alle bevande zuccherate o con caffeina per i bambini fino a 5 anni, da bere solo acqua e latte. Così i pediatri americani che hanno stabilito nuove linee guida per la nutrizione dei bambini.

LEGGI ANCHE -> BEVANDE ZUCCHERATE A RISCHIO TUMORE, LO DICE A SCIENZA

Le nuove raccomandazioni sull’alimentazione dei bambini arrivano da Healthy Eating Research, un programma nazionale della Fondazione Robert Wood Johnson (RWJF), che sostiene la ricerca sulle strategie politiche, di sistema e ambientali che abbiano un forte potenziale nel promuovere la salute alimentare tra i bambini, soprattutto nei gruppi a basso reddito e tra le minoranze etniche e razziali, che corrono maggiori rischi di cattiva salute e di disparità riguardo al benessere e alla sana nutrizione.

Le nuove linee guida sulla nutrizione dei bambini sono state pubblicate da Healthy Eating Research e sviluppate dalle più importani società scientifiche americane: l’American Academy of Pediatrics, l’Academy of Nutrition and Dietetics, l’American Heart Association e l’American Academy of Pediatric Dentistry.

Queste nuove raccomandazioni sono tra le più complete e restrittive finora pubblicate e forse saranno uno shock per molti genitori, soprattutto americani se pensiamo al largo consumo che si fa negli Stati Uniti di bibite e succhi di frutta, anche tra i bambini. Gli scienziati sono risoluti: nemmeno il latte al cioccolato va dato ai bambini piccoli.

Fino ai 6 mesi di vita i bambini devono ricevere solo latte materno o quello sostitutivo. Dai 6 mesi può essere aggiunta acqua alla loro dieta; mentre i neonati che prendono latte in polvere possono bere quello di mucca a 12 mesi. Nei primi 5 anni di vita i bambini dovrebbero bere solo latte e acqua.

Al bando tutte le bibite, gasate, zuccherate, anche con dolcificanti artificiali, incluse quelle a basso contenuto calorico, ma anche il latte aromatizzato e quello con l’aggiunta di cacao. Per non parlare delle bevande contenenti caffeina.

Sono da evitare, inoltre, le bevande a base di piante, come il latte di riso, mandorla e avena. Anche perché sono bevande con zuccheri aggiunti, oltre ad avere meno sostanze nutritive rispetto al latte vaccino. (Il latte di soia contiene più proteine, ma nei bambini può dare problemi).

Sconsigliato anche il consumo di succhi di frutta. Secondo gli esperti i bambini devono bere meno di una tazza di succo di frutta al 100% al giorno. Meglio se non lo bevono affatto. Piuttosto è preferibile mangiare direttamente la frutta. Un consumo eccessivo di succo, infatti, può causare carie dentale e aumento di peso, inoltre secondo gli esperti è collegato a una cattiva alimentazione in generale. Gli esperti hanno definito “calorie vuote” quelle dei succhi di frutta.

Possono sembrare indicazioni molto rigide ma sono evidentemente necessarie per proteggere la salute dei più piccoli, prevenire l’obesità e le carie ai denti. Va poi tenuto conto che vengono dagli esperti di nutrizione di un Paese con un numero impressionante di obesi con tutte le malattie connesse a questa condizione che ormai è diventata un’emergenza sociale. Negli Stati Uniti il 19% dei bambini è obeso e l’obesità può causare malattie croniche permanenti, su tutte il diabete, o problemi cardiovascolari.

Quasi la metà di tutti i bambini dai 2 ai 5 anni negli Stati Uniti bevono bevande zuccherate ogni giorno, che sappiamo aumentare il loro rischio di obesità, diabete e altri problemi di salute“, ha detto Megan Lott, vicedirettore di Healthy Eating Research. “Queste raccomandazioni – ha aggiunto – semplificano tutto per i genitori: acqua, latte e quantità limitate di succo di frutta al 100%”.

La notizia è stata data dal New York Times.

Che ne pensate unimamme? Siete d’accordo con le indicazioni dei pediatri americani?

LEGGI ANCHE -> TROPPO ZUCCHERO DANNEGGIA GRAVEMENTE IL FEGATO DEI BAMBINI