Bambina rifiutata dal nido per il suo aspetto – FOTO

Fonte: CEN/ bambina rifiutta dall’asilo

Un asilo ha cacciato una bimba di 2 anni perché il suo aspetto spaventava gli altri bimbi.

Unimamme, oggi vi raccontiamo della vicenda di una piccina discriminata per il suo aspetto e impossibilitata ad andare al nido per questo motivo.

Bambina rifiutata dall’asilo: cosa è successo

I genitori di questa piccina Svetlana e Rasul vivono nel villaggio di Alatany nel Bashkortostan, una regione federale della Russia. La loro bimba, Sofya Zakharova, è nata con una testa deformata e l’asilo nido a cui volevano iscriverla gli ha detto che dovevano prima farla operare, altrimenti avrebbe spaventato gli altri bimbi.

Non si sa di quale condizione specifica soffra la piccola, ma l’operazione a cui doveva sottoporsi è stata cancellata e rimandata diverse volte. La piccola ha anche le dita delle mani e dei piedi fusi insieme.

Gli esperti hanno sottolineato che continuare a rimandare il suo inserimento le può causare danni nello sviluppo. La psicologa Ekaterina Belan ha dichiarato: più interazioni avrà più le sarà facile accettarsi“. Tutto questo però non si sta verificando perché Sofya non va alla scuola materna.

LEGGI ANCHE > MOTOCICLISTI DIFENDONO UN BAMBINO CON UNA MALATTIA RARA DAI BULLI

I genitori di Sofya vivono insieme ai nonni della piccola in una casa che non ha riscaldamento e acqua, il forno è rotto e la fornitura del gas è stata bloccata.

Fonte CEN/ bambina rifiutta dall’asilo

La famiglia viene aiutata dall’associazione Rainbow of Goodness, ma la scuola non demorde e continua a rifiutare la piccina.

“Prima dovete organizzare l’operazione e poi potrà venire all’asilo come tutti gli altri bambini”.

La famiglia sostiene di non ricevere nessun sostegno o benefit per la disabilità della bimba. Le autorità ora stanno indagando sul caso e stanno aiutando la famiglia a trovare una nuova casa.

Radiy Khabirov, a capo del governo Bashkortostan ha sottolineato che intendono trovare una nuova casa prima dell’inizio dell’inverno e che lui stesso segue personalmente il caso. “Capisco che se non fosse per l’intervento dell’associazione di carità non si sarebbero incontri su questo e una nuova casa, è chiaro che i diritti dei genitori e della bimba vengono violati, ci sarà un giudizio legale”.

Unimamme, cosa ne pensate di questa vicenda di cui si parla sul Mirror?