Epidemia di Coronavirus | Annunciato il bollettino | I dati aggiornati
Epidemia di Coronavirus | Annunciato il bollettino | I dati aggiornati

Epidemia di Coronavirus | Annunciato il bollettino | I dati aggiornati

Epidemia di Coronavirus in Italia: annunciato il bollettino con i dati aggiornati. La situazione.

coronavirus bollettino dati
Epidemia di Coronavirus | Annunciato il bollettino | I dati aggiornati – Universomamma.it (Il personale in servizio all’ospedale di Brescia, foto di MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Non è ancora finita: continuano ad aumentare i casi di Coronavirus in Italia. L’epidemia è nel pieno svolgimento, sebbene l’incremento giornaliero stia scenendo in percentuale. I dati comunicati dal bollettino aggiornato della Protezione Civile di venerdì 13 marzo, ci dicono chi i malati attuali di coronavirus in Italia sono arrivati quasi a 15mila, che dall’inizio dell’epidemia fanno oltre 17mila casi complessivi, incluse le persone decedute e guarite. Purtroppo in una sola giornata si sono registrati 250 decessi. Ecco i dati aggiornati.

Epidemia di Coronavirus il bollettino con i dati aggiornati

Il bollettino della Protezione Civile diffuso alle ore 18.00 del 13 marzo comunica che nella giornata odierna si sono registrati 2.116 nuovi casi di Covid-19, la malattia causata dal Coronavirus (Sars-Cov-2), con 250 persone decedute e 181 guarite. Continuano a crescere i contagi in Italia e non si fermeranno presto, sebbene la progressione è rallentata, almeno in percentuale.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS È PANDEMIA | LA DICHIARAZIONE DELL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

Le persone attualmente positive alla malattia sono 14.995, i morti sono oltre 1.200, mentre i guariti più di 1.400. Di seguito i dati in dettaglio. Dall’inizio dell’epidemia i casi di coronavirus in Italia hanno raggiunto le 17.660 unità.

Casi di Covid-19 in Italia venerdì 13 marzo:

  • 14.995 attualmente positivi al Covid-19: +2.116 dal 12 marzo
  • 1.439 i guariti: pari a +181 da ieri;
  • 1.266 i morti: pari a +250 da ieri.

Il numero esatto dei morti per Covid-19 si potrà conoscere solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. Molti dei pazienti morti per Coronavirus, infatti, avevano delle patologie pregresse, anche multiple.

Tra i 14.995 positivi al Coronavirus:

  • 6.201 si trovano in isolamento domiciliare;
  • 7.426 sono ricoverati con sintomi;
  • 1.328 sono in terapia intensiva.

LEGGI ANCHE –> EMERGENZA CORONAVIRUS: COSA NON DEVE MANCARE IN DISPENSA | FOTO

La distribuzione dei casi di Covid-19 su base regionale al 13 marzo 2020.

La Lombardia è ancora la regione italiana con il numero in assoluto più elevato di contagi, che stanno per raggiungere i 10mila, dall’inizio dell’epidemia a oggi sono 9.820. Segue l’Emilia Romagna, molto staccata, con 2.263 casi. Poi il Veneto a 1.595 casi. Impennata per il Piemonte che raggiunge quota 840 contagi dall’inizio dell’epidemia. Seguono le Marche con 725 casi. La Lombardia ha, purtroppo, anche il record di vittime con 890 decessi, solo qui, dall’inizio dell’epidemia. Per fortuna è elevato anche il numero di guariti e dimessi in regione, che riguarda 1.198 persone.

I pazienti in terapia intensiva sono: 650 in Lombardia, 135 in Piemonte, 128 in Emilia Romagna e 107 in Veneto.

Durante la conferenza stampa per la presentazione dei dati, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, ha rinnovato l’invito alla cittadinanza a donare il sangue e ha annunciato la pubblicazione del bollettino epidemiologico aggiornato con i dati relativi ai trend sulla letalità (numero dei morti sul totale malati). Su questi ha anticipato alcuni dati:

  • la letalità è del 5,8% in Italia;
  • la maggior parte dei deceduti positivi a COVID-19 sono di sesso maschile (le donne sono il 28,4%)M
  • l’età media dei deceduti è superiore agli 80 anni (il picco di mortalità è tra 80-89 anni);
  • solo due dei pazienti deceduti avevano meno di 40 anni e soffrivano di altre patologie gravi.

I dettagli del bollettino sul sito web dell’Istituto Superiore di Sanità.

Brusaferro ha detto anche di aspettarsi ulteriori casi di Coronavirus nel finesettimana, a causa dei comportamenti imprudenti dei giorni scorsi: le folle sugli impianti sciistici e nelle località di mare e i mega aperitivi, “luoghi dove probabilmente il virus ha circolato” Poiché “l’incubazione è tra 4 e 7 giorni… una parte di quelle persone nei prossimi giorni probabilmente mostrerà una sintomatologia”, ha spiegato Brusaferro, “vedremo le curve, speriamo di essere smentiti dai fatti”.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ricordato che “il distanziamento sociale è la chiave per ridurre la diffusione del contagio. Le prossime settimane saranno decisive e dipendono dal comportamento di ogni singolo cittadino“. Per questo è importante stare a casa.

Che ne pensate dell’epidemia unimamme? State seguendo le indicazioni del Governo?

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS | LE NUOVE RESTRIZIONI ANNUNCIATE DA CONTE | COSA SAPERE | VIDEO

Info aggiornate sull’epidemia di coronavirus e su come comportarsi sul portale web del Ministero della Salute: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram o su GoogleNews.

Coronavirus | Epidemia di Coronavirus | Annunciato il bollettino | I dati aggiornati – Universomamma.it (Foto TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)