Coronavirus in Italia | Rallentano i contagi | Dati aggiornati
Coronavirus in Italia | Rallentano i contagi | Dati aggiornati

Coronavirus in Italia | Rallentano i contagi | Dati aggiornati

coronavirus italia contagi
Coronavirus in Italia | Rallentano i contagi | Dati aggiornati – Universomamma.it (Ospedale temporaneo Columbus Covid 2 al Gemelli di Roma ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Continuano a salire i contagi di Corornavirus in Italia, ma a ritmo meno sostenuto. Tornano a salire in modo consistente i guariti. In una giornata sono morte 349 persone positive a Covid-19 ma meno della giornata di ieri. Dall’inizio dell’epidemia i casi complessivi di Coronavirus in Italia sono 27.980 (inclusi deceduti e guariti). I deceduti hanno superato i 2mila casi complessivi.  Ecco gli ultimi dati aggiornati.

Coronavirus in Itali: rallentano i contagi. Gli ultimi dati

Sono usciti puntuali alle 18.00, con la quotidiana conferenza stampa della Protezione Civile, i dati aggiornati sull’epidemia di Coronavirus in Italia. I complessivamente dall’inizio dell’epidemia sono stati superati i 27mila contagi, i 2mila morti e i 2mila e 700 guariti. I casi crescono ancora ma meno di ieri. In un giorno si sono verificati 2.470 nuovi positivi a Covid-19, 349 morti e 414 guariti. I malati sono attualmente 23.073.  Il dato positivo è che tornano a crescere le guarigioni, mentre rallentano i nuovi contagi. Ancora c’è da aspettare perché la curva epidemica si fletta, ma dovremmo essere sulla buona strada se le misure di contenimento saranno osservate in modo scrupoloso dalla cittadinanza.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS IN ITALIA | CHI SI AMMALA E CHI MUORE SECONDO L’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

Casi di Covid-19 in Italia aggiornati a lunedì 16 marzo:

  • 23.073 attualmente positivi al Covid-19: +2.470 dal 15 marzo (ieri l’aumento era stato di 2.853 casi)
  • 2.749 i guariti: pari a +414 da ieri;
  • 2.158 i morti: pari a +349 da ieri.

Il commissario all’emergenza e Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli in conferenza stampa ha detto che mancano alcuni casi di nuove persone positive. Dunque domani il numero potrebbe crescere di più. I casi complessivi di Covid-19 in Italia sono 27.980 (compresi coloro che sono malati, i guariti/dimessi e i deceduti). I morti in un giorno sono tanti, ma meno di ieri quando sono stati 368; mentre i guariti in un solo giorno crescono di più: ieri 369 e oggi 414. Va inoltre ricordato che il numero esatto dei morti per Covid-19 si potrà conoscere solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. Molti dei pazienti morti per Coronavirus, infatti, soffrivano di patologie pregresse, anche multiple.

Tra i 23.073 positivi al Coronavirus alla data del 16 marzo:

  • 10.197 si trovano in isolamento domiciliare;
  • 11.025 sono ricoverati con sintomi;
  • 1.851 sono in terapia intensiva (+179 in un giorno).

I numeri dei ricoverati in terapia intensiva continuano a crescere. Di questi 1.851 ricoveri, 823 sono nella sola Lombardia.

La distribuzione dei casi di Covid-19 su base regionale al 16 marzo 2020.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS | “LA VITA NON SI FERMA”: LA FOTO VIRALE DI UN NEONATO A MILANO

La Lombardia è sempre la regione più colpita dall’epidemia, con 10.861 persone attualmente positive a Covid-19. Di queste, 6.171 sono ricoverate con sintomi, 823 sono in terapia intensiva, mentre 3.867 sono in isolamento domiciliare. Le persone guarite sono 2.368 mentre i decessi complessivi sono 1.420. Nel numero di casi attuali di Coronavirus seguono poi le altre regioni: 3.088 in Emilia Romagna, 2.274 in Veneto, 1.405 in Piemonte e 1.185 nelle Marche.

Un caso di Coronavirus è stato rilevato anche al Ministero dell’Ambiente. Il contagiato è un n collaboratore esterno di una direzione generale, che è risultato positivo al tampone. Il paziente è stato posto in isolamento e sono state adottate tutte le misure precauzionali del caso. Il ministro Sergio Costa è stato spostato ad un’altra sede, mentre il personale già lavorava da casa con il lavoro agile e proseguirà con questa modalità.

Silvio Garattini, fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negr, ha detto a RadioCapital: “Per la settimana prossima ci aspettiamo il picco, realistico pensare a 30-40mila casi“. “Tutto dipenderà da noi – ha aggiunto -, dalla nostra capacità di evitare il contagio. Atteniamoci alle disposizioni. Se tutti avessero stili di vita adeguati e ci fosse un’adeguata prevenzione, forse saremmo più resistenti. La diffusione di virus e batteri continuerà a esserci, dobbiamo ripensare il mondo della salute“.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS E RACCOLTA DIFFERENZIATA: GUIDA PRATICA DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

Nel mondo, i casi complessivi di Coronavirus sono vicinissimi a quota 180mila: stando agli ultimi dati aggiornati dalla mappa in tempo reale della Johns Hopkins University sono 179.057. La maggior parte sono ancora concentrati in Cina, 81.032, qui però l’epidemia è nella curva di discesa. L’Italia è ancora al secondo posto nel mondo e la prima in Europa con i suoi 27.980 casi complessivi. Segue l’Iran con 14.991 casi, poi la Spagna che è balzata in pochissimi giorni a 9.428 casi, superando la Corea del Sud, che si mantiene stabile con una crescita moderata a 8.236 casi. I contagi iniziano a crescere velocemente anche negli altri Paesi europei: la Germania è terza in Europa e sesta al mondo con 7.174 casi, segue la Francia con 5.397 casi. Gli Stati Uniti hanno 4.138 contagi da Covid-19, ma anche qui i numeri sono destinati a crescere molto di più.

Che ne pensate unimamme di questa epidemia?

Informazioni aggiornate sull’epidemia di coronavirus e su come comportarsi sul portale web del Ministero della Salute: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram o su GoogleNews.

Coronavirus in Italia | Rallentano i contagi | Dati aggiornati – Universomamma.it (Foto TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)