La didattica per bambini da 0 ai 6 anni: le indicazioni del Ministero
La didattica per bambini da 0 ai 6 anni: le indicazioni del Ministero

La didattica per bambini da 0 ai 6 anni: le indicazioni del Ministero

Il ministero ha dato delle indicazioni ai docenti ed ai genitori per attuare la didattica per i bambini da 0 ai 6 anni. Anche loro ne hanno bisogno.

Didattica bambini
La didattica per bambini da 0 ai 6 anni: le indicazioni del Ministero – Universomamma.it

In seguito all’emergenza sanitaria siamo stati privati, giustamente, per la nostra sicurezza, di molte cose. Chi ne ha sofferto di più sono sicuramente i nostri bambini e ragazzi. Le scuole sono state le prime realtà a chiudere compresi i nidi e le scuole d’infanzia, i alcune Regioni hanno chiuso da marzo altre già da fine febbraio. Se per li bambini dai 6 anni in su si è attivata, anche abbastanza velocemente, la didattica a distanza, per i più piccoli questa possibilità non c’è stata. Proprio per questo il Ministero per l’Istruzione ha reso noto un documento “Orientamenti pedagogici sui Legami educativi a Distanza”.

LEGGI ANCHE —> MANTENERE LE DISTANZE TRA BAMBINI: I BRACCIALETTI ELETTRONICI SONO LA SOLUZIONE?

Didattica per bambini: i legami educativi a distanza nel mondo zerosei

Il documento “inquadra, raccoglie e rilancia le buone pratiche realizzate nel mondo “zerosei” per instaurare e mantenere relazioni educative a distanza, con bambini e genitori, in una situazione di grande difficoltà e di interruzione temporanea del funzionamento in presenza di nidi e scuole dell’infanzia”. L’obiettivo è quello di valorizzare il lavoro svolto, di stimolare consapevolezze professionali, di prefigurare un pensiero positivo volto alla riapertura delle strutture educative per i più piccoli.

La Commissione per l’infanzia propone di definire i “Legami Educativi a distanza” (LEAD), perché l’aspetto educativo a questa età si innesta sul legame affettivo e motivazionale, un pò come avviene con la Didattica a Distanza (DAD). È quindi esigenza primaria ristabilire e mantenere un legame educativo tra insegnanti e bambini, insegnanti e genitori, insegnanti tra di loro, bambini tra di loro, genitori tra di loro, per allargare quell’orizzonte quotidiano divenuto all’improvviso ristretto, per costruire un progetto orientato al futuro e basato sulla fiducia anziché sulla paura che, inevitabilmente, ha caratterizzato le prime settimane di isolamento sociale.

LEGGI ANCHE —> CENTRI ESTIVI E ATTIVITA’ PER BAMBINI E ADOLESCENTI: IL PIANO IN 3 TAPPE

Come la scuola in presenza, i LEAD richiedono che la scuola raggiunga tutti i bambini, secondo il principio di “non uno di meno”. Inoltre, come si legge nel documento, non sono solo per i bambini fortunati che hanno in casa un PC e una buona connessione Internet: i LEAD sono per tutti, compresi i bambini di famiglie che non parlano bene la lingua italiana, che appartengono a contesti svantaggiati sul piano sociale, culturale ed economico, che “non si sono più fatti vivi”, che hanno bisogni educativi normalmente speciali, al fine di evitare che l’emergenza sanitaria generi disuguaglianze più marcate.
La prima cosa da fare è che i docenti si mettano in contattato con i bambini. Una volta ristabilito il contatto è opportuno che il personale educativo stia in ascolto delle richieste esplicite e implicite dei genitori. In seguito è importante che venga instaurata una relazione vera e propria con i bambini, concordando mezzi, tempi e attività con i genitori.
I contatti avvengono in giorni stabiliti e durano una decina di minuti. In questo tempo si può chiedere ai bambini come stanno, ricordare i giorni di scuola ed un feedback a quanto prodotto dal bambino (se il bambino aveva consegnato un disegno, un racconto, un breve audio.

LEGGI ANCHE —> “UN FUTURO MIGLIORE PER I BAMBINI”: LA PETIZIONE PER IL POST LOCKDOWN | FOTO

Per quanto riguarda i mezzi, essi vanno individuati in relazione alla disponibilità e allo scopo:

  • Se la famiglia non possiede device o è priva di connettività, si può immaginare una scatola delle sorprese con libri, disegni, colori, pongo da far recapitare a casa periodicamente, con una restituzione da parte del bambino di disegni, piccoli oggetti, storie raccontate e trascritte dal genitore.
  • Se la famiglia è disponibile alla relazione in presenza, la videochiamata è la soluzione più immediata: si possono concordare il momento, la durata, la frequenza, le modalità di presenza del genitore o di altri familiari all’incontro, in modo da rispettare le routine e le esigenze domestiche.
  • Se più famiglie sono disponibili alla relazione dal vivo, qualche collegamento in piccolo gruppo grazie alle numerose piattaforme didattiche gratuite può aiutare a mantenere il contatto anche con i compagni, essenziale per lo sviluppo delle autonomie, delle competenze, degli apprendimenti, della socialità.
  • Se la famiglia incontra difficoltà alla modalità sincrona ma ha la possibilità di connettersi a Internet, si possono creare ed inviare (o caricare sul registro elettronico, su Drive o su piattaforme didattiche) podcast o video, si può ideare un blog al quale i genitori accedono quando possono.

LEGGI ANCHE —> PIU’ DEL 60% DEGLI STUDENTI NON HA SEGUITO LEZIONI: LA DENUNCIA DELLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Voi Unimamme avete figli dai zero ai sei anni che frequentavano il nido o la scuola primaria? I docenti si sono attivati con videomessaggi e compiti?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

Didattica bambini
La didattica per bambini da 0 ai 6 anni: le indicazioni del Ministero – Universomamma.it