Lo stress nei bambini non è tutto negativo: la conferma della scienza
Lo stress nei bambini non è tutto negativo: la conferma della scienza

Lo stress nei bambini non è tutto negativo: la conferma della scienza

Secondo uno studio americano, lo stress durante l’infanzia non è per forza negativo: uno studio su pre-adolescenti lo dimostra.

stress studio
Lo stress nei bambini non è tutto negativo

Secondo un nuovo studio americano condotto a marzo 2020 su ragazzi tra i 9 e i 13  anni, una dose non troppo alta di stress durante l’infanzia può accelerare lo sviluppo nell’elaborazione socio-emotiva, “ fungendo da potenziale fonte di resilienza” e ritardare l’invecchiamento cellulare.

Nello studio, apparso su Cerebral Cortex sono stati prese in esame la risposta socio-emotiva dei ragazzi a livello neurale e l’invecchiamento cellulare. Lo studio dimostra che gli adolescenti che hanno vissuto esperienze stressanti nella loro vita hanno una connessione tra l’amigdala e la corteccia prefrontale simile a quella di noi adulti.

L’analisi è stata condotta da un team dell’Università di Stanford in California, in un campione di giovani adolescenti, 214 ragazzi, seguiti per due anni. Come si può leggere nello studio i ricercatori hanno esaminato “ le relazioni tra ELS (bambini sottoposti allo stress precocemente), l’attività della circuiteria neurale frontale e dell’amigdala durante la visione di facce emotive, l’invecchiamento cellulare misurato dall’accorciamento dei telomeri e il tempo puberale

LEGGI ANCHE —> LO STRESS E’ CONTAGIOSO: COME AIUTARE I FIGLI E SE STESSI

Lo stress può aiutare i bambini a sviluppare resilienza verso le avversità

Gli eventi principali di stress che hanno vissuto i ragazzi dell’esperimento in ordine di frequenza, sono: assistere ad un attacco di cuore, l’aver dovuto vivere troppi spostamenti o l’ espulsione dal paese, litigi verbali tra genitori, morte di una persona cara, bullismo, divorzio dei genitori, aver vissuto un incidente stradale. Altri meno frequenti: separazione dalla famiglia, problemi finanziari, furti o sparatorie, violenza domestica, suicidio di una persona conosciuta, disastri naturali come tornado e uragani e altro.

LEGGI ANCHE —> SUPERARE I CONFLITTI COI FIGLI IN MODO POSITIVO: 6 CONSIGLI INDISPENSABILI

I telomeri sono strutture che proteggono la cellula e che ci indicano in base alla loro lunghezza, l’età della cellula. I ricercatori attraverso un capione di saliva hanno analizzato la lunghezza dei telomeri nei ragazzi da loro selezionati. Con una risonanza magnetica hanno anche analizzato la connessione tra l’amigdala e la corteccia prefrontale nel momento in cui ai ragazzi venivano mostrate immagini di persone emozionate. Di solito nei bambini queste due zone del cervello sono sincronizzate mentre nell’adulto l’attivazione della corteccia prefrontale silenzia l’amigdala. Anche nei bambini ELS la connessione rilevata non è sincronizzata. Risulta molto simile a quella di un adulto. Quindi hanno delle reazioni socio-emotive più mature. Inoltre si è notato dopo un paio di anni che le cellule di questi bambini andavano incontro alla pubertà più lentamente e che i loro talomeri si erano accorciati più lentamente rispetto ai coetanei.

Quindi non tutti gli effetti dovuti allo stress nei bambini sono negativi, alcuni possono essere positivi e aiutarli a sviluppare resilienza verso le avversità.

LEGGI ANCHE —> STRESS PROLUNGATO IN GRAVIDANZA NELL’EMERGENZA COVID-19: GLI EFFETTI SUL NASCITURO

E voi unimamme cosa ne pensate di questo studio? Personalmente ne sono molto contenta, questo significa che gli effetti sui miei figli dei litigi con mio marito non sono stati solo negativi. In piccola parte aiuteranno i miei figli a sviluppare resilienza verso le difficoltà che incontreranno nella vita.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.