Sindrome post-covid: i sintomi più comuni secondo uno studio

Molti i reduci dal coronavirus hanno accusato sintomi della cosiddetta sindrome post-Covid-19. Lo studio condotto al Policlinico Gemelli.

sindrome post-covid-19
Sindrome post-covid: i sintomi più comuni secondo uno studio | Universomamma.it

Sono purtroppo molti i reduci dal coronavirus che hanno accusato per settimane o mesi alcuni sintomi della cosiddetta sindrome post-Covid-19: stanchezza estrema che non passa, affanno e dolori alle articolazioni. Dei geriatri della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs e dell’Università Cattolica, campus di Roma, hanno appena pubblicato su “Jama”, una research letter che fa il punto su questa sindrome.

Lo studio è stato condotto presso il Day Hospital post-Covid della Fondazione Policlinico Gemelli e i suoi autori sono Angelo Carfì, Uoc Continuità assistenziale Policlinico Gemelli, Francesco Landi, docente di Medicina interna e geriatria all’Università Cattolica, e Roberto Bernabei, ordinario Medicina interna e geriatria all’Università Cattolica e direttore Dipartimento Scienze dell’invecchiamento, neurologiche e della testa.

LEGGI ANCHE —> QUALITA’ DELLO SPERMA E COVID-19: LO STUDIO

Lo studio sulla sindrome post-covid-19

Lo studio è iniziato il 21 aprile su 143 pazienti che sono stati seguiti fino a fine maggio quindi nell’arco di due mesi dalla diagnosi del virus. I sintomi registrati sono di 3 tipi:

  • stanchezza estrema
  • affanno
  • dolori alle articolazioni

Moltissimi (87%) hanno accusato uno solo dei 3 sintomi:

  •  stanchezza intensa (53,1%)
  • affanno (43,4%)
  •  27,3% dolore alle articolazioni e uno su 5 dolore al torace

E’ quindi molto importante secondo Landi, responsabile del Day Hospital post-Covid, continuare a monitorare tutti i pazienti ma soprattutto quelli che sono stati in rianimazione, controllando nel tempo tutti gli organi del corpo. Come dice il professore e come si legge su adnkronos.  ” Inoltre devono essere valutati attentamente rispetto alla persistenza di alcuni sintomi. Questo perché  siamo di fronte a una malattia nuova, sconosciuta ed è quindi importante cercare di individuare gli eventuali danni a breve o a lungo termine” 

LEGGI ANCHE —> CONTAGIO IN GRAVIDANZA: NUOVO STUDIO SUI NEONATI PREOCCUPA

Come ha spiegato l’esperto fortunatamente non ci sono stati quei danni ai polmoni, occhi , cuore e fegato che si temevano, c’è invece una persistenza di questi tre sintomi che merita tutta la nostra attenzione “Questo è importante per individuare e al tempo stesso supportare questi pazienti con un programma di “rieducazione” fatto di ginnastica supervisionata, educazione alimentare e tutto quanto già contenuto nel progetto Sprintt (Sarcopenia and Physical Railty IN older people: multi-componenT Treatment strategies) di cui Gemelli e Università Cattolica sono capofila. ” Il progetto era nato anni fa per contrastare la disabilità negli anziani ed è stato poi adattato ai nuovi pazienti post-Covid.

  • Gli esercizi a cui saranno sottoposti i pazienti potranno essere adattati ad ogni singolo paziente
  • I pazienti vanno assistiti anche a livello psicologico, dopo quello che hanno passato molti (20%) presentano un disturbo post-traumatico da stress
  • Infine anche l’alimentazione è importante e molti presentano disturbi dell’appetito, altri perdita della massa muscolare (sarcopenia)

I pazienti sono preoccupati soprattutto della mancanza di forze e i ricercatori non sanno quanto durerà tutto questo

  • alcuni non riescono a salire neanche una rampa di scale
  • altri vorrebbero solo dormire
  • Alcuni non riescono a respirare bene perchè i muscoli della respirazione non hanno abbastanza forza
  • anche alzarsi dal letto richiede un grosso sforzo

Molti di loro hanno temuto di aver perso il senno prima di confrontarsi con altri che hanno avuto gli stessi sintomi. All’estero sono nati per questo motivo dei gruppi di sostegno. La sindrome accomuna pazienti di ogni età. Purtroppo poi tutto questo porta a non riuscire a riprendere in mano la propria vita, sia sociale che lavorativa.

Gli esperti non sono sorpresi del resto il Covid-19 è una malattia poco conosciuta e proprio per conoscerla meglio e monitorarla sono nati i Day Hospital post-Covid, come quello della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs. A prendersi cura di questi pazienti reduci Covid ci sono: Internisti, geriatri, gastroenterologi, infettivologi, pneumologi, microbiologi, neurologi, oculisti, otorini, pediatri, psichiatri, radiologi, reumatologi, angiologi. Un team che lavora per loro e coordinato dai  professori Roberto Bernabei, Massimo Fantoni e Antonio Gasbarrini e sotto la direzione dei professori Francesco Landi ed Elisa Gremese.

Care unimamme cosa ne pensate di questa sindrome post-covid-19? Conoscete qualcuno che ne soffre?
Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.
sindrome post-covid-19
Sindrome post-covid: i sintomi più comuni secondo uno studio | Universomamma.it