Gravidanza e vene varicose: un disturbo che può diventare una malattia

In gravidanza soffrire di vene varicose è un disturbo molto comune. In alcune donne permane anche dopo il parto e può diventare una malattia

vene varicose gravidanza
immagine da adobestock

Il disturbo è legato all’aumento della circolazione sanguigna per nutrire il feto e all’aumento di peso della donna, soprattutto nella zona lombare.

Vene varicose in gravidanza, da disturbo lieve a malattia vera e propria

vene varicose in gravidanza
immagine da adobestock

Durante la gravidanza è comune che le vene siano più evidenti, sovraccaricate dal lavoro che svolgono per portare il sangue all’utero. Questo aumento del sangue può creare dei ristagni e la compressione degli organi sugli arti possono rendere più difficile la circolazione.

I disturbi più tipici di cui si lamentano le donne in dolce attesa sono la sensazione di gambe gonfie e pesanti, il prurito o il pizzicore agli arti inferiori.

LEGGI ANCHE: SCIATICA IN GRAVIDANZA: COS’È E COME SI CURA LA LOMBOSCIATALGIA

In realtà la scarsa circolazione del sangue nelle vene varicose è causa anche delle emorroidi, che possono provocare pruirito e sangue nell’ano, e delle varici nella zona del perineo, dette valvulari, che danno una sensazione di peso eccessivo dei genitali.

Nelle donne incinte aumenta il rischio di arrivare a trombosi venose vere e proprie, questo sia durante la gravidanza che dopo qualche settimana dal parto.

LEGGI ANCHE: L’EREDITÀ GENETICA ESCLUSIVAMENTE MATERNA: IL DNA MITOCONDRIALE

Inoltre, in caso di predisposizione genetica o familiarità, questo disturbo può portare a una condizione permanente di malattia.

Detto ciò, il problema non è di facile risoluzione: con le calze elastiche. che si possono indossare già dal terzo mese, si alleviano più che altro i sintomi, in caso di vene varicose nella zona genitale il medico può intervenire chirurgicamente già durante il parto.

L’unico vero comportamento efficace sembra essere la prevenzione: fare una vita sana prima e durante la gravidanza aiuta ad arginare il problema.

Gli esperti consigliano alle donne che soffrono di questo disturbo:

  • di non indossare i tacchi, di indossare le calze elastiche
  • di bere molto
  • di fare passeggiate o una attività fisica adatta come l’acquagym
  • di fare delle docce fredde alle gambe quando si avverte la sensazione di gonfiore
  • di fare esercizi mirati che potrà consigliarvi il ginecologo stesso
  • introdurre nella dieta cibi specifici come i frutti rossi, cibi antiossidanti e cibi ricchi di vitamina C, ma anche fibre per favorire il transito intestinale
  • si possono utilizzare creme omeopatiche specifiche, per esempio alla vite rossa, oppure, se il ginecologo lo ritiene opportuno, fare una cura anticoagulante durante la gravidanza

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA ESTIVA E DISTURBI TIPICI | CONSIGLI UTILI PER AFFRONTARLI AL MEGLIO

vene varicose gravidanza malattia
immagine da adobestock

Ecco dunque i nostri consigli su come combattere questo disturbo sul nascere, cercando di non trasportarlo oltre il parto e di non arrivare alla malattia, che andrebbe poi trattata chirurgicamente se necessario.

 

E voi unimamme avete sofferto di questo disturbo in gravidanza?

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.