Primo trapianto di utero: l’intervento delicato eseguito in Italia

E’ stato effettuato, in questi giorni, il primo trapianto di utero nel nostro Paese. Un’operazione delicata che ha avuto luogo a Catania.

Utero Catania
Foto da Adobe Stock

Al Centro Trapianti del Policlinico di Catania è stata eseguita un’operazione unica in Italia. Un intervento delicato che non ha precedenti, si tratta di un trapianto di utero.

LEGGI ANCHE: PRIMO CASO AL MONDO: EVITATO IL TRAPIANTO DI FEGATO SU 3 NEONATI GRAZIE ALLE CELLULE STAMINALI

L’organo è stato donato da una donna cui è stata dichiarata la morte cerebrale, la donna che lo ha ricevuto si trova in buone condizioni di salute. Dopo il record dei 4 trapianti  in 48 ore avvenuti al Bambin Gesù di Roma su quattro pazienti, questo è un’altra eccellenza per il nostro sistema sanitario.

Primo trapianto di utero: un’eccellenza per il nostro Paese

Trapianto Catania
Foto da Adobe Stock

Nei giorni scorsi è stato eseguito il primo trapianto di utero in Italia al Centro Trapianti del Policlinico di Catania, in collaborazione con l’Azienda ospedaliera Cannizzaro. Come riferito dall’ospedale a ricevere l’organo è stata una donna di 30 anni siciliana che adesso si trova in terapia intensiva, ma le sue condizioni di salute sono buone.

LEGGI ANCHE: FETO DI 28 SETTIMANE OPERATO IN UTERO: IL PRIMO CASO AL BAMBIN GESU’| VIDEO

A Catania il trapianto di utero è stato portato avanti dall’equipe composta dai professori Pierfrancesco e Massimiliano Veroux, del Policlinico, e da Paolo Scollo e Giuseppe Scibilia, dell’ospedale Cannizzaro. Il professore Scollo, intervistato da Repubblica a dichiarato: “Lavoriamo a questo obiettivo da quattro anni siamo gli unici in Italia ad essere autorizzati a questo tipo di trapianto che nel resto d’Europa si fa anche in Svezia. Nel nostro Paese è permesso solo da donatrici di cui è stata certificata la morte cerebrale, in altre parti del mondo si fa anche da donatori viventi“.

L’obiettivo finale del trapianto è  quello di poter far si che la donna possa rimanere incinta. Il primo passo in questa direzione è la riuscita del trapianto dell’organo da un punto di vista funzionale.

LEGGI ANCHE: BAMBINO OPERATO IN UTERO A 26 SETTIMANE PER SPINA BIFIDA E’ NATO: LE PAROLE DEI MEDICI

In una recente intervista, il professore Veroux  in una precedente intervista, aveva affermato che questo tipo di trapianto poteva essere eseguito solo se la paziente ha un età compresa tra i 18 ed i 40 anni e che hanno una malformazione uterina o la sindrome di Mayer-Rokitansky-Kuster-Hauser (MRKH), una condizione caratterizzata da un’aplasia dell’utero (assenza dell’organo o mancato sviluppo) che colpisce una donna ogni 4.500 circa.

Anche il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, ha accolto con entusiasmo l’operazione riuscita bene pubblicando un post su Facebook: “È un motivo di grande orgoglio per la sanità di tutto il nostro Paese. La testimonianza stessa di un miracolo ‘umano’ che restituisce vita grazie al gesto di estrema generosità di una donatrice. Ai medici e a tutti i professionisti impegnati in questa impresa, i complimenti ed il ringraziamento di tutto il governo regionale e del popolo siciliano“.

Trapianto di utero
Foto da Adobe Stock

Voi unimamme eravate a conoscenza di questo intervento? Cosa ne pensate?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.