Scuola: rientro nel caos, mancano 260 mila supplenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:41
0
74

Alla riapertura delle scuole ci sono ancora molte difficoltà, come la mancanza di docenti.

scuola mancano docenti
fonte: Adobe

Unimamme, mentre l’attenzione è concentrata sui banchi, la scuola, alla sua riapertura dopo 6 mesi di pausa, deve affrontare problemi ben maggiori.

Riapertura delle scuole: un mare di problemi

Come dicevamo, nonostante l’attenzione mediatica si sia concentrata sui banchi e sulle soluzioni adottate per rimediare al mancato arrivo di quelli nuovi, la scuola deve affrontare sfide ben più grandi, come la mancanza di docenti. A mancare all’appello infatti sono 260 mila supplenti.

LEGGI ANCHE: RIENTRO A SCUOLA, CERTIFICATO DOPO TRE GIORNI: PERCHÉ I PEDIATRI SI STANNO RIBELLANDO?

Il 14 settembre, grazie all’impegno di presidi e personale scolastico sono ripartite poco più della metà delle scuole italiane. Per la precisione: 4,5- 5 milioni di alunni su un totale di 8,3. Mancano però gli insegnanti, sia di ruolo che di supplenza. I docenti che vanno in pensione vengono sostituiti con lentezza, mentre i precari  si stanno ribellando per difendere il loro punteggio da graduatorie per supplenze piene di errori. Per questo stanno picchettando i provveditorati e chiedono scelte fatte in presenza, perché non si fidano.

scuola caos
fonte:
Taylor Wilcox- Unsplash

Addirittura, in alcuni licei, a causa di questa situazione, è stato messo in atto un orario ridotto: 9-11 e le cattedre mancanti, per il momento, vengono supplite da insegnanti di religione. La ministra Azzolina però assicura: “Abbiamo nominato settantamila supplenti, entro il 24 settembre avremo tutti in cattedra. Continuano a mancare, però, tra i 140 mila e i 190 mila docenti.

LEGGI ANCHE: RIENTRO A SCUOLA, ALLARME CONTAMINAZIONE: REALE PERICOLO O INUTILE PARANOIA

Innanzitutto su 84.808 insegnanti finanziati dal governo per un’assunzione in cattedra ne sono stati stabilizzati solo 24.400. Sono il 28% a fronte del 48% dell’anno scorso. Passiamo agli insegnanti che hanno ottenuto il pensionamento il 1 settembre scorso: questi sono 39 mila. I precari Covid, che possono essere licenziati in caso di un nuovo lockdown sono all’incirca tra i 50 mila e i 60 mila. “Secondo le nostre stime saranno 260.000 i supplenti della stagione, sarà questo il fabbisogno minimo per garantire il tempo scuola ha dichiarato Pino Turi, segretario della Uill.

La Cisl invece  segnala minimo 212 mila docenti a tempo determinato che devono essere trovati. Inoltre a tutti questi conteggi bisogna aggiungere i lavoratori fragili, cioè i docenti di ruolo che hanno numerose patologie e che per un anno si assenteranno.  Secondo le stime della Cgil stiamo parlando, in questo caso, del 3-5% di tutto il personale (tra i 24 mila – 40 mila insegnanti), tra questi 212 mila – 260 mila un quarto sono docenti di sostegno. Solo qualche giorno fa il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella aveva sottolineato come a pagare il prezzo più alto della chiusura delle scuole siano stati gli alunni con disabilità.

LEGGI ANCHE:  AUTOSCONTRO CON I BANCHI A ROTELLE: VIDEO ALLARMANTE MA ERA UNA FAKE NEWS

Anna Maria Santoro della FLC CGL è molto critica nei confronti della Ministra Azzolina. Secondo lei le graduatorie online  e la chiamata veloce hanno solo rallentano le procedure. La situazione è drammatica in diverse regioni. In Lombardia, secondo la direttrice generale dell’Ufficio scolastico, Augusta Celada bisogna riempire ancora 15 mila posti su 19.500. Per riempire i vuoti di queste settimane si dovrà ricorrere a supplenze a breve. In Piemonte mancano 20 mila ruoli, in provincia di Firenze nessuna scuola è iniziata con l’orario pieno e cattedre coperte.

scuola rientro
fonte: Adobe stock

Ci sono ancora 2 mila supplenze da assegnare e 473 posti Covid.  Francesco Sinopoli, segretario Flc Cgil accusa: “La verità è che se il ministero avesse fatto le assunzioni per titoli in estate, oggi avrebbe trentaduemila insegnanti già a disposizione. Con il concorso straordinario di fine ottobre li avrà solo per il prossimo anno”.

Unimamme, voi cosa ne pensate della situazione caotica descritta su Repubblica?

 

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.