“Stop ai tamponi sui bambini”: ai piccoli è vietato ammalarsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:38
0
72

Le mamme di Livorno protestano per quanto riguarda il tampone ai bambini.

tamponi sui bambini stop
fonte Adobe stock

Unimamme, oggi vi parliamo della protesta di alcune mamme. Questa  protesta nasce a Livorno e si è sviluppata tramite un gruppo Facebook.

Tamponi ai bambini: cosa accade

Con la riapertura dell’anno scolastico le famiglie hanno dovuto affrontare diverse novità per quanto riguarda la gestione dell’eventuale malattia dei figli, per esempio vi è il certificato medico obbligatorio in caso di malattia.

LEGGI ANCHE: PEDIATRI SUL CORONAVIRUS: PREVENZIONE E TAMPONI NECESSARI PER L’AUTUNNO

La faccenda però si complica se si tratta di casi sospetti, con febbre sopra i 37,5°, ecc.. A quel punto bisogna fare il tampone. Ed è qui che entrano in gioco le mamme livornesi che hanno aperto un gruppo Facebook: Mamme di Livorno uniamoci. Le mamme chiedono maggiori certezze sulle diagnosi per i bambini e stop ai tamponi sui bambini.

LEGGI ANCHE:  RIENTRO A SCUOLA, QUANDO MANDARE O NO I BAMBINI? SINTOMI DA OSSERVARE

Forse vi starete chiedendo il perché di questa protesta, ed ecco spiegato: “ no ai tamponi, che sono invasivi e possono provocare lesioni nel naso. Sì a una diagnosi vera in presenza di sintomi da covid. Vogliamo la visita del pediatra e non una valutazione telefonica“.

tamponi sui bambini
fonte Adobe stock

Secondo le mamme la diagnosi telefonica è troppo affrettata. Inoltre, spesso si mettono in isolamento i piccoli con troppa facilità. Invece una visita dal pediatra potrebbe essere utile. Le mamme sottolineano che l’esperienza del tampone può essere invasiva.

LEGGI ANCHE: ASSENZE DA SCUOLA PER MALATTIA: COSA SUCCEDE SE SONO TROPPE

Le mamme livornesi citano episodi di lesioni alle narici in piccoli di 3 anni e tamponi negativi che però hanno comportato l’isolamento preventivo dei bambini per molti giorni. La visita medica impedirebbe che i bambini venissero sottoposti a tamponi inutili e potenzialmente pericolosi.

Le mamme quindi propongono un’alternativa, i test salivari che richiedono meno tempo e sono decisamente meno invasivi. “Chiediamo che il benessere psicologico dei nostri figli non passi in secondo piano,che la scuola non lasci indietro nessuno e che torni a mettere il bambino e l’ adolescente al primo posto”.

tamponi sui bambini
fonte Adobe stock

Le mamme inoltre chiedono uniformità tra le diverse Regioni e lamentano che, dopo tanti mesi, non c’è ancora un piano a lungo termine per la tutela dei piccoli. Infine chiedono diagnosi celeri, perché i tempi tra tampone e risultato sono lunghi. La situazione è già complicata a settembre e non accenna a migliorare in vista dei mesi più rigidi dove la richiesta di tamponi, con questo andazzo, sarà enorme. A questo proposito vi lasciamo con un approfondimento su febbre e raffreddore nei bambini per non lasciarsi prendere dal panico. Per ora, per questa petizione ci sono 1800 firme.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa protesta?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.