Nuovo Dpcm e scuola: Dad al 100% e le altre misure

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11
0
489

Giuseppe Conte ha appena anticipato le misure che saranno previste nel nuovo Dpcm per far scendere la curva dei contagi, novità per la scuola.

Foto da Adobe Stock

Il premier Giuseppe Conte ha appena parlato alla Camera. Dopo l’aumento dei contagi nel nostro Paese, il Dpcm emanato nei giorni scorsi non basta per limitare la diffusione di questo virus che sta mettendo in ginocchio non solo il nostro Pese, ma tutto il Mondo.

LEGGI ANCHE: NUOVO DPCM E SPORT: QUALI SONO CONSENTITI E COME, TUTTE LE RISPOSTE

Giuseppe Conte ha anticipato cosa succederà per le attività commerciali, i ristoranti ed anche per le scuole. Ogni Regione sarà soggetta a delle misure restrittive in base al numero di contagi.

Nuovo Dpcm: le anticipazioni sulle nuove misure anche per la scuola

Scuole dad
Foto da Adobe Stock

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha da poco finito il suo discorso alla Camera nel quale ha anticipato alcune delle nuove regole che dovranno essere seguite per far scendere il prima possibile la curva dei contagi.

Ecco cosa prevederà il nuovo Dpcm, che però ricordiamo ancora non è stato pubblicato:

  • Per le scuole superiori sarà integrata la didattica a distanza. Prevista la Dad al 100%.
  • Chiusura centri commerciali nei week end e nei giorni prefestivi e festivi, ma saranno aperti i negozi di alimentari, parafarmacie e farmacie ed infine anche le edicole.
  • Chiusura di musei e di mostre: chiuderanno musei e mostre
  • Chiusura dei corner per le scommesse e giochi
  • Limiti a spostamenti da e verso Regioni a rischio:Introdurremo il limite agli spostamenti da e verso le regioni con elevati coefficienti di rischio“, salvo per esigenze di lavoro, studio e salute.
  • Riduzione al 50 % del limite di capienza dei mezzi pubblici e dei locali.

Le misure saranno modulate in base alle Regioni tenendo conto della diffusione del virus: “Nel Dpcm indicheremo 3 aree con tre scenari di rischio con misure via via più restrittive. Questi scenari dovranno tener conto dell’indice di replicabilità del virus, dei focolai e della situazione dell’occupazione dei posti letto negli ospedali“.


Voi unimamme cosa ne pensate di queste nuove norme?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS