Bambini e cibo sano: è allarme degli esperti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:24
0
741

Un bambino italiano su 7 non ha una sicurezza alimentare. E la situazione rischia di peggiorare. L’allarme dell’Università Cattolica 

bambini insicurezza alimentare
immagine da adobestock

Uno studio dell’Università Cattolica di Roma ha analizzato le condizioni alimentari delle famiglie italiane e ha riscontrato una condizione di insicurezza. Insicurezza alimentare significa che le famiglie, in particolare quelle più numerose e con genitori meno istruiti, non possono assicurare sempre ai loro figli una alimentazione bilanciata e ripiegano su prodotti meno costosi ma anche meno nutrienti.

Un bambino italiano su 7 non ha una sicurezza alimentare

un bambino su sette vive insicurezza alimentare
immagine da adobestock

E’ questo che è emerso dallo studio condotto dall’Università romana in collaborazione con professori e ricercatori di altri atenei italiani, che ha interessato oltre 500 famiglie italiane e i loro pediatri per valutare le condizioni alimentari dei bambini.

La ricerca ha valutato l’accesso al cibo dei bambini e le loro condizioni di salute. Analizzando la situazione socio-economica delle famiglie e le ripercussioni che ha sulla scelta dei cibi acquistati, confrontandola poi con i dati forniti dai pediatri sullo stato di salute dei bambini in base ai valori di riferimento sulla crescita, è emerso che tra un bambino su sette viveva in una condizione di insicurezza alimentare.

LEGGI ANCHE: SALUTE DEI BAMBINI ED EPIDEMIA: L’ALLERTA DEI PEDIATRI

Lo studio, pubblicato nel 2019, ha analizzato dati del 2017/2018 e ha interessato diverse aree geografiche del nostro paese: Lombardia, ovvero la città di Milano; Lazio, città di Roma; Marche, città di Jesi; Campania, città di Caserta; Puglia, città di Brindisi; Sicilia, città di Palermo.

I bambini presi in esame avevano un’età tra 1 e 11 anni, di famiglia italiana e seguiti da un pediatra. E’ stato sottoposto un questionario ai genitori, circa le scelte alimentari, e uno ai pediatri che li seguivano, circa le condizioni fisiche di peso, altezza, salute orale, psicomotoria e relazionale.

Nel Sud Italia le condizioni sarebbero peggiori rispetto al resto del paese. L’insicurezza alimentare sembrerebbe infatti direttamente collegata alle condizioni socio-economiche e all’istruzione dei genitori. Le famiglie del Sud Italia più numerose e con genitori più giovani e meno istruiti hanno una difficoltà maggiore ad assicurare una alimentazione bilanciata e sana ai loro figli e anche una attenzione minore alla qualità dell’alimentazione.

LEGGI ANCHE: LA GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE 2020, UN ANNIVERSARIO IMPORTANTE

Ciò che realmente preoccupa, secondo la professoressa Maria Luisa Di Pietro, che ha condotto la ricerca dell’ateneo romano assieme al professor Walter Ricciardi, è che potrebbe essere solo la “punta di un iceberg“.

Il dato potrebbe essere infatti sottostimato, sia perché la ricerca non ha interessato aree degradate dove le possibilità economiche sono minori e sicuramente c’è maggiore insicurezza alimentare, sia perché la recente crisi economica che sta vivendo il paese a causa della pandemia di Covid19 potrebbe aver peggiorato ulteriormente le condizioni di molte famiglie italiane.

Un altro dato da considerare è che per molti bambini italiani le cui famiglie vivono in condizioni economiche precarie, la mensa scolastica rappresenta l’unico pasto sicuro e completo della giornata. Le recenti chiusure delle scuole hanno provocato disagio e divario sociale sia per l’accesso alle risorse informatiche e di conseguenza all’istruzione, sia dal punto di vista del benessere alimentare e fisico dei bambini più poveri.

Le famiglie economicamente disagiate non hanno prospettiva futura di stabilità e devono sopperire alle ristrettezze economiche risparmiando sulla alimentazione e acquistando prodotti a basso costo e di scarso valore nutrizionale. Ne consegue che i bambini che fanno parte di queste famiglie avranno maggiori problemi di salute, dai problemi di vista a quelli di peso, dalle difficoltà psicomotorie al rendimento scolastico.

Secondo la professoressa Di Pietro, è necessario ed urgente un intervento di carattere sociale finalizzato alla riduzione della condizione di povertà delle famiglie e che miri a ridurre gli effetti negativi del basso reddito sui bambini. I pediatri e la scuola devono collaborare con le istituzioni affinché le carenze di questi piccoli vengano integrate e la crisi economica del paese può soltanto accelerare e aggravare questa situazione.

LEGGI ANCHE: COSA CONTIENE IL CIBO SPAZZATURA CHE PIACE AI BIMBI E COME EVITARLO

Speriamo che studi di questo tipo vengano approfonditi ed ampliati e che si uniscano le forze in ambito medico, politico, sociale per non lasciare indietro nessun bambino e assicurare a tutti gli stessi diritti fondamentali, che in una società progredita ed economicamente stabile non dovrebbero essere negati a nessuno. Soprattutto la sicurezza alimentare dovrebbe essere garantita ai più piccoli.

insicurezza alimentare bambini
immagine da adobestock

Voi unimamme cosa ne pensate di questa interessante ricerca?

Per restare sempre aggiornato su notizie, richiami e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.