Covid, i bambini con sindrome infiammatoria multi-sistemica in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:51

Emergenza Covid: quanti sono i bambini con sindrome infiammatoria multi-sistemica in Italia.

covid bambini sindrome infiammatoria
Covid, i bambini con sindrome infiammatoria multi-sistemica in Italia – Universomamma.it (Foto Adobe Stock)

In questi mesi di pandemia da Covid-19 abbiamo imparato che sebbene i bambini tendano ad ammalarsi di meno e meno gravemente degli adulti, tuttavia in rari casi possono sviluppare una grave sindrome infiammatoria che colpisce tutti gli organi e può metterli in pericolo di vita.

Si tratta della sindrome infiammatoria multi-sistemica nei bambini, conosciuta anche con la sigla MIS-C, dall’acronimo inglese Multisystem Inflammatory Syndrome in Children. Un altro nome è quello di PIMS che sta per Pediatric Multisystem Inflammatory Syndrome.

Agli inizi della pandemia, questa sindrome era stata confusa con la sindrome di Kawsaki o simil Kawasaki, a causa delle somiglianze. Entrambe, infatti, possono provocare sintomi quali febbre insistente, rash cutaneo, congiuntivite, ipotensione, infiammazione dei vasi sanguigni (vasculite), disfunzione miocardica e problemi cardiaci, disturbi gastrointestinali, come diarrea, vomito e dolore addominale, e uno stato generale di infiammazione.

COVID, 12ENNE RISCHIA LA VITA: LA CURA CHE LO HA SALVATO

Ora, i pediatri italiani riuniti nel Congresso straordinario digitale della Società italiana di pediatria (SIP) sul tema “La pediatria italiana e la pandemia da Sars-CoV-2“, hanno presentato le dimensioni di questo fenomeno in Italia, con il numero dei bambini affetti da questa sindrome.

Covid, i bambini con sindrome infiammatoria multi-sistemica in Italia

In Italia sono 53 i bambini colpiti da sindrome infiammatoria multi-sistemica (MIS-C), detta anche “siml-Kawasaki“. Mentre sono 96 quelli affetti da malattia di Kawasaki vera e propria. In totale si tratta di 149 bambini affetti da una grave sindrome infiammatoria. Il dato positivo è che non si sono registrati decessi tra i piccoli pazienti.

Questi numeri sono stati raccolti da una ricerca promossa dal Gruppo di studio di reumatologia della Società italiana di pediatria e presentata al Congresso in corso questi giorni. La ricerca ha coinvolto duecento pediatri in tutta Italia e sarà pubblicata su una rivista internazionale di reumatologia. L’obiettivo era quello di individuare sul territorio nazionale tutti i casi di malattia di Kawasaki classica e di malattia multi-infiammatoria sistemica nei bambini, registrati sul durante la prima ondata della pandemia di Covid-19, dal 1° febbraio al 31 maggio.

Lo studio ha confermato la correlazione tra nuovo Coronavirus Sars-CoV-2 e sindrome infiammatoria multi-sistemica nei bambini MIS-C.

La correlazione è provata da tre elementi scoperti dai pediatri nella loro ricerca:

  • la percentuale di pazienti positiva al virus era nettamente più alta nella popolazione con sindrome multi-infiammatoria (75%) rispetto alla popolazione con Kawasaki classica (20%);
  • le forme multi-infiammatorie sistemiche si sono accumulate temporalmente circa un mese dopo il picco dell’epidemia infettiva, a conferma che si è trattato di una iper risposta infiammatoria a un trigger virale;
  • i pazienti si sono concentrati prevalentemente nel Nord Italia, soprattutto in Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna, le regioni dove ci sono stati più casi di Covid-19.

Queste tre circostanze fondamentali del legame tra Coroavirus e MIS-C, sono state indicate da Andrea Taddio, consigliere del Gds di Reumatologia della SIP e professore associato di Pediatria all’Università di Trieste. Citato da Adnkronos.

LEGGI ANCHE: SALUTE DEI BAMBINI ED EPIDEMIA: L’ALLERTA DEI PEDIATRI

Taddio ha spiegato anche le caratteristiche della sindrome infiammatoria multi-sistemica MIS-C, che la differenziano dalla malattia di Kawasaki:

  • età media più alta (intorno ai 7 anni);
  • maggior probabilità di aver bisogno della terapia intensiva pediatrica;
  • maggiore necessità di aver bisogno di un sostegno ventilatorio;
  • maggiore probabilità di manifestare sintomi atipici per la Kawasaki: gastro-intestinali e polmonari;
  • maggior probabilità di avere miocardite o insufficienza cardiaca.

Lo studio presto verrà aggiornato per raccogliere i dati anche di questa seconda ondata pandemica. Infatti, i pediatri hanno avuto “notizia di casi di sindrome multi-infiammatoria sistemica che si stanno ripresentando in varie parti d’Italia”.

“Le forme iperinfiammatorie non sono condizioni diverse dalla malattia di Kawasaki, come molti ritengono, ma fanno parte di un unico spettro di patologia che va dalle forme meno gravi a quelle più gravi ed è presumibile che il virus sia stato implicato in entrambe“, ha spiegato Angelo Ravelli, segretario del Gds di reumatologia, tra gli autori dello studio.

Il prof. Taddio ha spiegato che “tutti i bambini osservati nel corso dello studio erano apparentemente sani“, ma è probabile che avessero una predisposizione genetica per sviluppare una tale risposta infiammatoria.

Infine, gli esperti hanno redatto un documento rivolto ai pediatri, per aiutarli ad individuare i le caratteristiche cliniche della sindrome multi-infiammatoria nei bambini legata al Covid-19 e le modalità di trattamento dei pazienti colpiti. Infatti, per evitare conseguenze gravi di questa malattia è fondamentale l’intervento tempestivo, hanno sottolineato i pediatri.

covid bambini
Covid, i bambini con sindrome infiammatoria multi-sistemica in Italia – Universomamma.it (iStock)

LEGGI ANCHE: COVID E GRUPPO SANGUIGNO: LA CONFERMA SU COME PUÒ INFLUIRE SU CONTAGIO E GRAVITÀ

Che ne pensate unimamme?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.