Bonus Idrico di 1000 euro per le famiglie: i requisiti per richiederlo

Un bonus pensato per aiutare le famiglie è quello che arriverà nel 2021. La cifra potrà essere usata per delle ristrutturazioni.

Bonus da 1000 euro
Foto da Adobe Stock

Dopo il bonus per la connessione ad internet, utile soprattutto per gli studenti che stanno facendo lezione online, e dopo il bonus per l’acquisto di tv o decoder ecco che dal Governo fanno sapere che ci sarà un nuovo bonus.

Un emendamento che servirà per rinnovare una zona della casa per renderla più ecologica e quindi che strizza un occhio verso l’ambiente.

Bonus idrico per le famiglie: approvata la legge di Bilancio

Bonus idrico
Foto da Adobe Stock

Sappiamo quanto sia importante rispettare l’ambiente, negli ultimi anni la sensibilizzazione verso questa causa è cresciuta sia da parte dei cittadini e sia da parte degli organi politici. Come dimenticare le tante manifestazioni che sono state fatte in favore dell’ambiente da Greta Thunberg mobilitando tantissime persone in diversi Paesi.

Adesso, è stata emanata la legge di Bilancio nella quale si introduce il bonus idrico. Si tratta di un incentivo che arriverà nel 2021 per la sostituzione di sanitari, rubinetteria, soffioni della doccia e colonne doccia con dei nuovi dispositivi a scarico ridotto.

In questo modo si eviterà di consumare acqua più del necessario. Ottimo per chi sta ristrutturando casa.

I bonus ha un valore di 1.000 euro ed il Fondo destinato è pari a 20 milioni di euro. Si potrà accedere al beneficio fino “ad esaurimento delle risorse”. Il bonus rubinetti, pensato per permettere di risparmiare proprio sulle risorse idriche, sarà utilizzabile entro il 31 dicembre 2021.

Ecco nel dettaglio cosa si può acquistare/fare con il bonus idrico:

  • interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto: si accede per la fornitura e la posa in opera di wc con un volume massimo di scarico inferiore o uguale a 6 litri,
  • apparecchi di rubinetteria sanitaria: per bagno e cucina, vengono compresi dall’incentivo i dispositivi per il controllo del flusso dell’acqua con portata massima di 6 litri al minuto.
  • soffioni doccia: portata d’acqua deve essere uguale o inferiore ai 9 litri al minuto,
  • colonne doccia sostituiti con nuovi apparecchi a limitazione del flusso d’acqua: portata d’acqua deve essere uguale o inferiore ai 9 litri al minuto,
  • per gli edifici esistenti, per loro parti e per le singole unità immobiliari.

Ancora non si sa se ci sarà uno sconto sul prodotto che si acquista o se ci sarà una detrazione. Un successivo decreto del Ministero dell’Ambiente chiarirà e stabilirà le regole per aver diritto al bonus e come fare la richiesta.

Voi unimamme state richiedendo i bonus?