Barboncino toy, attenti alla truffa: 4 consigli utili per smascherarla

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40

Il barboncino toy è una razza che va molto di moda, per questo è stato lanciato un allarme su una nuova truffa. Tutte le informazioni utili per evitarla.

barboncino toy

Il barboncino toy è una variante più piccola della razza “barbone”, di origine francese, ideale per una famiglia che vive in appartamento. Il suo carattere docile e amorevole rende facile l’addestramento e il rapporto con i bambini. Per questo motivo è una delle razze più di moda in questi anni. Ricorderete senz’altro molti vip che ce l’hanno.

Possono essere alti anche solo 24 centimetri e non perdono né pelo né bava.

Un difetto potrebbe essere il prezzo, visto stiamo parlando di una razza molto costosa: possono costare infatti anche più di 1000 euro.

Bisogna però stare molto attenti alle truffe. Ecco di cosa parliamo.

La truffa del barboncino toy, segnalazioni in tutta Italia

Truffa del barboncino
Foto da Pixabay

L’associazione nazionale consumatori ha lanciato un allarme.

La truffa prende avvio quando il malcapitato di turno esprime interesse per l’acquisto di un cucciolo. In questo caso, il truffatore fornisce un numero di telefono e invita a contattarlo su WhatsApp.

Le foto che vengono mostrate sono quelle di cuccioli molto graziosi per questo il consumatore, preoccupato di perdere l’affare, è spinto a comprare il barboncino, ma è qui che comincia il raggiro.

Sistematicamente nella truffa del barboncino, viene richiesto il versamento anticipato della somma. Così, una volta ottenuto l’importo, il venditore si rende irreperibile. In tutta Italia si stanno registrando tantissimi casi, ma per ora non è ancora chiaro di quale tipo di una truffa nata dall’azione di un’organizzazione o di singoli che mettono in atto uno schema che segue sempre le stesse dinamiche. A proposito di truffe, attenzione alle truffe sui social network. 

Ma di chi sono le foto e i video dei cagnolini utilizzate per attirare i malcapitati online? Di solito, sono di altri portali autorizzati ovviamente a loro insaputa e con cui riescono a competere grazie alla proposta di un prezzo più basso. Basti pensare che per quella razza, un cucciolo può arrivare a costare fino anche a tremila euro, mentre in questo tipo di truffa sono venduti soltanto alla metà.

Per riuscire a evitare di finire vittima di questo tipo di raggiro, l’Associazione fornisce 4 consigli da seguire:

1-  prezzo non può essere troppo basso, in caso contrario, bisogna cominciare a pensare che si tratti di una possibile truffa;

2- mai acquistare in maniera affrettata. In questo caso, può rivelarsi utile contattare i clienti che già hanno acquistato dal venditore in questione;

3- non effettuare versamenti su carte prepagate, dopo aver risposto all’annuncio;

4- controllate accuratamente che le foto inviate dal venditore non siano già presenti su troppi siti Internet.

E a voi unimamme, vi è mai capitato di finire vittima di qualche truffa?