La Disney mette in guardia contro il Muppet Show: “stereotipi sbagliati”

La Disney prende le distanze anche da alcuni episodi del Muppet Show per i suoi contenuti offensivi.

Ms Piggy e Kermitato
Muppet show – fonte: Getty

Unimamme, prosegue l’opera di “pulizia” della Disney, che ultimamente ha lasciato un po’ perplessi per alcune prese di posizione su opere passate.

Poco tempo fa infatti, l’azienda di Topolino, aveva deciso di “vietare” ai minori di 7 anni alcuni suoi storici cartoni animati come Peter Pan, gli Aristogatti e Dumbo, perché alcune frasi contenute in essi erano ritenute razziste.

Ora, sotto l’implacabile scure del politicamente corretto cadono altri simboli di un certo tipo di intrattenimento che, andati in onda per anni, non avevano causato problemi.

Muppet Show (1)
Muppet Show. (Photo by Andrew H. Walker/Getty Images)

Muppet show nella bufera: i provvedimenti

Questa è la volta del Muppet Show, noto programma andato in onda per la prima volta nel 1976 e che, nel corso degli anni, ha ospitato grandi star.

La piattaforma streaming Disney + ha iniziato a trasmettere questo show per famiglie il 19 febbraio scorso, ma ha stabilito di far precedere la trasmissione degli episodi con un avviso.

Ecco che cosa hanno scritto: “questo programma include rappresentazioni negative e/o trattamenti errati nei confronti di persone o culture. Questi stereotipi erano sbagliati allora e lo sono oggi”.

Gli episodi “incriminati” in questione hanno ospitato rinomate guest star: Steve Martin, Johnny Cash, Peter Sellers, Debbie Harry, Spike Milligan, Kenny Rogers, Marty Feldman e Joan Baez.

Per fare qualche esempio:

  • durante la quinta stagione dello show, nel 1980, l’apprezzato cantautore Johnny Cash cantava davanti a una bandiera confederata, spesso associata ai suprematisti bianchi.
  • in un episodio della terza stagione Spike Milligan, attore e musicista irlandese, faceva la caricatura di persone di diverse nazioni, tra cui un cinese con i dentoni e una treccia.


LEGGI ANCHE: PICCOLO FAN DI SPIDERMAN MUORE LA DISNEY DICE NO ALLA LAPIDE FOTO


Insomma, un umorismo che all’epoca sembrava innocente, e oggi non più.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa operazione? La ritenete necessaria?

Lascia un commento