Le mascherine “mutanda”: invece di buttarle ecco cosa potete farci

Questa è la storia dei centinaia di scatoloni contenenti le mascherine “mutanda”, fornite a scuola e non utilizzate dai bambini perché troppo scomode. Così da un appello contro lo spreco perché la fine scontata è quella di buttarle, è scattata una bellissima iniziativa. 

Mascherine mutanda
Fonte: Facebook

Taglie inappropriate, tessuti irritanti e scarsa vestibilità sono il motivo per cui tanti studenti hanno deciso di non indossare i dispositivi di protezione distribuiti dalla scuola. Costringendo così le famiglie a mettere mano al portafogli.

Ma qualcuno, si è interessato alla questione della migliaia di mascherine inutilizzate, generando una “reazione a catena” di solidarietà.

Alex Corlazzoli, scrittore e maestro, su Facebook ha raccontato dello spreco delle  tante mascherine distribuite nelle scuole per l’emergenza Covid e rimaste inutilizzate perché scomode. Infatti, i bambini le hanno rinominate “mascherine mutanda”.

La denuncia dello spreco sui social ha generato un’azione benefica. Infatti, chi vuole, anziché buttarle, può donarle.


GUARDA ANCHE:Mascherine “mutanda” nelle scuole: la denuncia di un’insegnante diventa virale


Il gruppo di raccolta e l’azione benefica

Le mascherine mutanda non cestinate verranno donate ai bisognosi grazie alla Comunità di Sant’Egido.

L’appello ha fatto il giro sui social e in rete, poi grazie ai volontari, si è trasformato in un’azione di solidarietà.

La referente di Castelli Romani Food and Wineassociazione culturale che si occupa di enogastronomia e  protagonista durante il lockdown di aver organizzato delle spese solidali per le famiglie fragili e per i medici in ospedale, ha deciso di organizzare la raccolta dei dispositivi imballati per donarli a Sant’Egidio che li distribuirà ai bisognosi.

 

La raccolta ha preso vita con il gruppo Facebook: Renditi utile – raccogliamo le mascherine mutanda.

La donazione delle mascherine mutanda
Fonte: Facebook

Sono centinaia gli scatoloni già confezionati provenienti da tutta Italia:

  • se Corlazzi, da Cremona, coordina la raccolta nel Nord
  • Tiraboschi organizza quelle del Centro- Sud.

I punti di raccolta stanno crescendo. Si è osservata una crescita esponenziale e del tutto spontanea in gran parte dell’Italia dei dispositivi monouso certificati, e saranno indirizzati alla Comunità di Sant’Egidio che li ripartirà.

Infine, la distribuzione riguarderà:

  • i senza dimora,
  • le famiglie in difficoltà,
  • i migranti
  • e tutti coloro che stanno vivendo in situazione di povertà economica.

Una vera e propria catena di buone azioni, senza polemiche.

Con questo gesto apparentemente “piccolo”, si cerca anche di educare la popolazione a compiere gesti di altruismo in un anno che ha stravolto le nostre vite e ad evitare ogni forma di spreco.

Ma sopratutto, il fine di questa azione è di contribuire alla salvaguardia e la messa in sicurezza di chi da solo non può farlo.

Per ogni informazione collegatevi al gruppo pubblico su Facebook: Renditi utile!

E voi unimamme, cosa ne pensate di questo gesto di altruismo? Avete contribuito?

Lascia un commento