Che buoni i calamari fritti, ma come si puliscono? Ecco tutto il procedimento passo passo

Che buoni i calamari fritti, ma come si puliscono? Ecco tutto il procedimento spiegato passo dopo passo: cosa devi fare.

Durante le festività natalizie uno dei piatti più gettonati saranno proprio i calamari fritti. Cosa c’è di meglio, infatti, di una gustosissima frittura di pesce? Praticamente nulla!

calamari pulizia
Calamari fritti come si puliscono – Universomamma

La seccatura, però, è pulire i calamari. Sì, perché oltre ad essere un’attività tutt’altro che divertente, è anche piuttosto lunga e complicata. Ma niente paura perché nel nostro articolo di oggi andremo proprio a mostrarti come fare nel dettaglio.

Guarda un po’ qua con i tuoi stessi occhi. Così diventerà tutto più semplice. Provare per credere! Sei pronto a partire? Allora bando alle ciance e dai subito un’occhiata ai prossimi paragrafi.

Che buoni i calamari fritti, ma come si puliscono?

Se a Natale hai già deciso di preparare i calamari fritti allora sei capitato nel posto giusto. Ciò che, però, scoprirai nei prossimi paragrafi non è come cucinarli, bensì come pulirli alla perfezione per ottenere un piatto a dir poco spettacolare. Sei pronto a partire? Allora fai come ti dico ed i tuoi calamari saranno un vero capolavoro. Provare per credere!

 Il procedimento spiegato passo dopo passo

Se sei arrivato fin qui a leggere il nostro articolo allora vuol dire che anche tu non sei un esperto in materia di pulizia del pesce. A tal proposito, quest’oggi andremo a mostrarti come pulire i calamari alla perfezione e senza fare troppa fatica. In questo modo, potrai poi realizzare la tua frittura o qualsiasi altra ricetta tu voglia preparare.

Ora, però, basta perdere altro tempo prezioso e cominciamo. Come si può vedere nel video pubblicato sul canale Youtube I piatti di Arianna, la prima cosa da fare è sciacquare il pesce accuratamente sotto l’acqua corrente e separare la testa del calamaro dal resto del corpo. Dopodiché, rimuovi gli occhi con l’aiuto di una forbice, togli anche il dente centrale e risciacqua, eliminando le interiora che sono rimaste attaccate e la pelle.

Pulisci bene anche i tentacoli e cerca di schiacciare le ventose. Successivamente, stacca con un coltello anche la parte dura in cima alla testa. Risciacqua e passa al corpo. Togli bene le interiora e la cartilagine centrale. Una volta eseguito questo passaggio risciacqua l’interno del calamaro. A questo punto incidi la pelle con un coltellino e rimuovila. Stacca le pinne laterali e continua a togliere la pelle.

Risciacqua infine il tutto sia internamente che esternamente ed il calamaro è finalmente pronto per essere utilizzato all’interno delle tue ricette. Se vuoi preparare la frittura di pesce, taglia il calamaro ad anelli e poi impanalo e friggilo. Altrimenti, segui la preparazione che desideri fare. Un ultimo consiglio, per aiutarti nella pulizia puoi anche tagliare il calamaro in più parti. Se, però, ti serve intero evita questo passaggio e procedi come indicato sopra con delicatezza.