Home Servizi Utili Onlus da sostenere La reazione della gente ad una bambina sola in strada che non...

La reazione della gente ad una bambina sola in strada che non vorremmo vedere

CONDIVIDI

bambina di 6 anni solaCare unimamme, uno dei peggiori incubi di noi genitori è quello di perdere i figli, di distrarsi e non trovarli più. Sale l’ansia che qualcuno li possa aver preso, che gli possa far del male o che nessuno estraneo “buono” li soccorra e li aiuti.

Ma se vi capitasse di trovarvi dall’altra parte, di incontrare cioè una bambina visibilmente persa, sola per strada o comunque in un luogo pubblico, cosa fareste?

Bambina di 6 anni sola in strada: come reagiscono i passanti?

Un video sconvolgente mostra il comportamento di alcune persone, e ciò che si vede non è affatto piacevole.

Il video è stato realizzato dall’Unicef in occasione del nuovo rapporto sullo stato dell’infanzia nel mondo.

Nella prima parte, Anano, la bambina attrice di 6 anni viene prima vestita elegantemente e riceve attenzioni dai passanti, preoccupati che si sia persa, se viva nelle vicinanze, nella seconda invece, truccata per apparire sporca e vestita malamente, nessuno sembra accorgersi di lei.

Nella seconda parte del video, girata all’interno di un ristorante, le reazioni sono anche peggiori: mentre quando Anano è ben vestita e pulita le persone sono gentili, accoglienti e carine, quando Anano ritorna sporca e malvestita viene trattata male, la gente la osserva con malfidenza e la caccia via. Tant’è che poi Anano se ne va via piangendo, perché è facile per nessuno sentirsi cacciati e non voluti, figuriamoci per un bambino.

La frase che appare al termine del video dice:

Immaginate cosa provano milioni di bambini che tutti i giorni vengono allontanati

e poi

Il cambiamento inizia quando tu decidi di tenerci

L’ashtag che accompagna il video è #fightunfair, che significa “combatti l’ingiustizia“.

E voi unimamme vi fermereste se incontraste una bambina come Anano per la strada?

Secondo il nuovo rapporto dell’Unicef entro il 2030 (data conclusiva degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile):

  • 69 milioni di bambini sotto i 5 anni moriranno per cause prevalentemente prevenibili,
  • 167 milioni di bambini vivranno in povertà,
  • 750 milioni di donne si saranno sposate da bambine
  • e oltre 60 milioni di bambini in età da scuola primaria saranno esclusi dalla scuola

Occorrono politiche pubbliche e di investimenti globali.

Anche se tanti e importanti sono stati i progressi dal 1990 a oggi nel salvare le vite dei bambini e nel mandarli a scuola, tanto c’è ancora da fare.

I bambini più poveri hanno il doppio delle probabilità di morire prima del loro quinto compleanno e di soffrire di malnutrizione cronica, rispetto ai coetanei di famiglie benestanti.

Per non parlare di mortalità materna e spose bambine.

La povertà è la causa principale di tutte le disparità.

Un video che vuole essere una “chiamata all’azione” per il mondo a trattare i bambini meno fortunati allo stesso modo in cui vengono trattati i più fortunati.

Cambierà questo video il vostro modo di vedere i bambini, tutti?


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it