Bambino in auto (iStock)

Bambini lasciati in auto: 17 morti dall’inizio dell’anno solo negli Stati Uniti. Il dato impressionante.

È allarme negli Stati Uniti per i bambini lasciati in auto morti per il caldo. Dall’inizio dell’anno fino alla fine del mese di giugno ne sono morti 17, quando non è ancora arrivato il vero caldo estivo di luglio e agosto. Un dato che suscita preoccupazioni.

Dal 1998 a oggi negli Usa sono morti più di 800 bambini lasciati nelle auto roventi.

Bambini lasciati in auto: è allarme negli Stati Uniti

Numeri che fanno spavento e che sembrano appartenere a un bollettino di guerra, sono invece quelli dei bambini morti in auto a causa del caldo rovente negli Stati Uniti. Si tratta di bambini il più delle volte dimenticati dai genitori per colpa di quella strana sindrome chiamata “amnesia dissociativa” o negli Usa Forgotten Baby Syndrome, Sindrome del Bambino Dimenticato. In altri casi, più rari, i bambini sono morti per il caldo dopo essere rimasti chiusi in auto da soli, senza che i genitori se ne accorgessero.

Il fenomeno della Sindrome del Bambino Dimenticato è quello che accade quanto un genitore senza esserne consapevole lascia il figlio chiuso in auto, spesso si tratta di bambini piccoli addormentati e legati al seggiolino sul sedile posteriore dell’auto. La dimenticanza in questi casi non è dovuta a imprudenza o avventatezza ma ad un amnesia momentanea dovuta spesso a forte stress, carenza di sonno, cambi di routine. Una condizione che porta a compiere gesti automatici, dimenticandosi di di quello che accade attorno o di ciò che si deve fare.

Per questi motivi, in Italia è stata approvata una legge per l’utilizzo obbligatorio di sensori anti-abbandono da installare sui seggiolini dei bambini.

Negli Stati Uniti da quando si sono verificati i primi casi riconosciuti nel 1998 – di cui uno anche in Italia – sono morti oltre 800 bambini dopo essere stati dimenticati in auto al caldo. Un numero impressionante. Dall’inizio dell’anno fino alla fine di giugno 2019 sono morti 17, ad estate appena iniziata. Il conto delle piccole vittime è tenuto dal sito noheatstroke.org. L’ultimo caso, che vi abbiamo riportato, è quello di una bambina di 16 mesi morta a Sioux City, nello Stato dell’Iowa, domenica 30 giugno.

Un altro bambino, di 3 anni, ha perso la vita lo scorso 27 giugno a Morristown, in Tennessee, all’interno di un minivan. I genitori ne avevano denunciato la scomparsa. Il bambino è stato trovato riverso sul pavimento del furgoncino. Non era stato dimenticato dai genitori chiuso all’interno del veicolo, ma era entrato da solo, senza che nessuno se ne accorgesse, e poi deve essere rimasto intrappolato. La tempertura aveva superato i 30 gradi e per il piccolo è stata fatale.

All’interno di un veicolo rovente le temperature possono raggiungere facilmente i 50 gradi e superarli, anche se fuori ne fanno meno di 30. I metodi naturali che usa il corpo per raffreddarsi, come la sudorazione, vengono meno quando la temperatura interna raggiunge i 40 gradi. La morte può sopraggiungere sopra i 41 gradi.

In media, 38 bambini di età inferiore ai 15 anni muoiono ogni anno negli Stati Uniti dopo essere stati lasciati in auto durante la stagione calda. Il veicolo in questi casi diventa un forno. Basta davvero poco tempo perché una macchina diventi rovente.

Purtroppo negli anni il numero di bambini morti in auto per il caldo dopo essere stati dimenticati è cresciuto da quando i seggiolini vanno fissati ai sedili posteriori delle auto. Il sedile del passeggero accanto al guidatore, infatti, è troppo pericoloso a causa dell’airbag, che aprendosi con violenza può uccidere i più piccoli. Sui sedili posteriori, però, è più facile che i bambini vengano dimenticati.

Il numero di bambini morti in auto per il caldo negli Usa è cresciuto ogni anno dal 2016, quando le piccole vittime furono 39. Poi nel 2017 salirono a 43 e infine nel 2018 addirittura a 52, il numero più alto mai registrato in un anno.

In Texas, nella città di Galveston, un bambino di un anno è morto il 22 giugno scorso, dopo essere stato lasciato dal padre all’interno dell’auto parcheggiata vicino al ristorante dove l’uomo lavora. Il bambino è rimasto per ben cinque ore all’interno del veicolo rovente. Quel giorno le temperature erano intorno ai 33 gradi e secondo gli esperti la temperatura all’interno del veicolo probabilmente ha superato i 57 gradi.

Quella di Galveston è stata la terza morte consecutiva di un bambino chiuso in un auto rovente in Tesas, dopo quelle di un bambino di 4 anni e di una bambina di 11 mesi, entrambi morti in altre zone dello Stato sempre dopo essere stati abbandonati in un veicolo rovente. Il Texas ha il più elevato numero di morti tra i bambini dimenticati in auto, più di ogni altro stato Usa.

Queste notizie sono state riportate a Usa Today.

Che dire unimamme? Sono numeri impressionanti. Come si può fermare questo fenomeno secondo voi?