Coronavirus: l’altra epidemia è quella della psicosi e delle fake news. I consigli per difendersi.

Coronavirus: psicosi e fake news | Come difendersi – Universomamma.it (Turisti a Roma. Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

La comprensibile apprensione per l’epidemia di coronavirus originatasi in Cina ha purtroppo scatenato una vera e propria psicosi, insieme al proliferare di fake news e teorie complottiste, come purtroppo accade in questi casi. La velocità con la quale si susseguono le notizie, la situazione di allarme e purtroppo le tante falsità, messe in circolazione per errore o di proposito, stanno confondendo le persone e condizionando i loro comportamenti in modo negativo. Pertanto le istituzioni sono corse ai ripari per smentire le false teorie, fare chiarezza e corretta informazione.

Coronavirus: l’epidemia da psicosi e fake news

Peggio dell’epidemia del nuovo coronavirus, 2019-nCoV, c’è solo la diffusione “virale” delle fake news, che circolano più velocemente della malattia. L’epidemia non è da sottovalutare, ovviamente, ma al momento la situazione in Europa è sotto controllo, essendo pochi i casi:

  • 10 in Germania,
  • 6 in Francia,
  • 2 in Italia,
  • 2 nel Regno Unito,
  • 1 in Spagna,
  • 1 in Svezia
  • 1 in Finlandia,
  • 1 in Belgio

24 in totale, 26 se vogliamo aggiungere anche i 2 in Russia.  Tutti sono stati importati da viaggiatori che non sapevano di esser contagiati finché la malattia non si è manifestata. Quindi il virus è stato contratto in Cina, o perché i viaggiatori erano stati a Wuhan, nella provincia di Hubei, dove il virus ha avuto origine, o perché lo hanno contratto da altre persone già contagiate.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS | MAMMA CONTAGIATA PARTORISCE FIGLIA SANA | FOTO

È in Cina dove si concentra la maggior parte dei casi di coronavirus, arrivati a quasi 20.000, di cui 426 sono i morti, secondo gli ultimi aggiornamenti. Un morto è stato registrato anche nelle Filippine, il primo fuori della Cina, si tratta di un cittadino cinese proveniente da Wuhan.

La psicosi purtroppo ha portato a diversi episodi di razzismo nei confronti dei cinesi, anche di coloro che in Cina non ci vanno più da anni. Bruttissimi episodi che si sommano alla diffidenza nei confronti di negozi e ristoranti cinesi in questi giorni deserti. Il razzismo è da stigmatizzare sempre e comunque e la diffidenza verso i cinesi è assurda e irrazionale. Gli unici casi di Coronavirus presenti in Italia sono quelli dei due turisti cinesi, marito e moglie, provenienti dalla provincia di Hubei e in vacanza a Roma. I due turisti si trovano ricoverati da qualche giorno all’ospedale Spallanzani, specializzato in malattie infettive, mentre le persone che sono entrate in diretto contatto con loro sono in stretta osservazione. Non ci sono altri casi, anche solo sospetti, di coronavirus in Italia, anche perché la scorsa settimana è stato chiuso il traffico aereo passeggeri con la Cina, con tutta la Cina e non con la sola città di Wuhan, dove è partito il focolaio dell’epidemia. L’Italia è l’unico Paese europeo ad averlo fatto. Quindi non c’è motivo di temere l’arrivo di nuovi casi di coronavirus nel nostro Paese.

Lunedì 3 febbraio sono rientrati in Italia i 60 connazionali che risedevano o si trovavano a Wuhan per motivi di lavoro o di studio. Hanno viaggiato con un aereo militare appositamente allestito per loro, con medico a bordo, e sono sbarcati all’aeroporto militare di Pratica di Mare. Quindi sono stati condotti in tutta sicurezza nella città militare di Cecchignola, dove resteranno in quarantena per circa 14 giorni, il tempo di incubazione del virus. Al momento nessuno di loro risulta ammalato, se sono stati contagiati dal coronavirus lo sapremo tra qualche giorno. Solo questi, al momento, sono i possibili casi di rischio in Italia.

Non c’è alcun motivo di evitare ristoranti e negozi cinesi, così come non sono pericolosi gli oggetti che provengono dalla Cina, perché il materiale inerte non è contaminabile. Poi, come abbiamo già detto, non serve a niente indossare la mascherina, come hanno spiegato i medici. La mascherina, infatti, serve solo alle persone malate, per evitare di contagiare gli altri, oppure per proteggerle. Un buon modo per evitare il contagio, anche dell’influenza, è quello di lavarsi bene le mani molto bene e di frequente e quando si soffia il naso gettare via subito il fazzoletto utilizzato.

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, è intervenuto per spiegare la situazione del coronavirus in Italia, come viene accertato e le precauzioni da prendere.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS NEI BAMBINI, COSA SAPPIAMO FINORA | L’ANALISI

Altre indicazioni le ha date l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che già aveva invitato ad evitare inutili allarmismi. Qui l’elenco delle risposte a tutti i dubbi e i miti da sfatare:

  • Pacchi dalla Cina: sono sicuri. Non c’è alcun rischio di contrarre il coronavirus da pacchi e lettere, perché il virus non sopravvive sugli oggetti. Come abbiamo detto sopra il materiale inerte non viene contaminato.
  • Cani e gatti. Al momento non ci sono prove che cani, gatti e altri animali domestici possano essere infettati dal nuovo coronavirus. Tuttavia, è bene lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali domestici, per proteggersi da vari batteri comuni come E. coli e Salmonella, spiega l’OMS.
  • Vaccini contro la polmonite: non proteggono dal coronavirus. I vaccini contro lo pneumococco e l’Haemophilus influenza di tipo b non proteggono contro il virus; tuttavia è consigliato farli per proteggersi dalle altre malattie respiratorie. Il coronavirus richiede un proprio vaccino e i ricercatori sono al lavoro per svilupparlo, ma ci vorrà tempo.
  • Soluzione salina per il naso. Nebulizzare soluzione salina nel naso non aiuta a proteggere dall’infezione del coronavirus. Al limite può aiutare ad alleviare i sintomi del raffreddore, ma nulla di più.
  • Collutorio. I gargarismi con il collutorio non proteggono dal coronavirus. Al limite possono eliminare alcuni microbi dalla bocca ma nulla di più.
  • Aglio. Mangiare aglio fa bene alla salute e può avere alcune proprietà antimicrobiche, ma non aiuta a prevenire il coronavirus.
  • Olio di sesamo. No, l’olio di sesamo non uccide il coronavirus, quindi è inutile cospargerlo sul corpo per impedire al virus di entrare nell’organismo, anche perché si contrae per via aerea. Alcuni disinfettanti chimici, come cloro o candeggina, possono uccidere il virus ma non è consigliato usarli sulla pelle, anzi può essere pericoloso.
  • Anziani. Il nuovo coronavirus può infettare persone di tutte le età. Le persone più anziane e quelle con preesistenti condizioni mediche come asma, diabete e malattie cardiache, sono più vulnerabili di ammalarsi gravemente. L’OMS consiglia alle persone di tutte le età di prendere provvedimenti per proteggersi dal virus, d esempio con una buona igiene delle mani e coprendo le vie aree quando si starnutisce o si tossisce.
  • Antibiotici: non sono efficaci contro il coronavirus, ma solo contro i batteri. Non devono proprio essere usati, così come non vanno mai usati contro la normale influenza. Non sono un rimedio valido per la prevenzione e il trattamento. I pazienti ricoverati per il coronavirus possono ricevere degli antibiotici perché affetti anche da infezione batterica.
  • Medicine specifiche. Al momento non esistono medicine specifiche per prevenire o trattare il coronavirus. Si curano solo i sintomi della malattia e le persone infette potrebbero ricevere cure specifiche in questo senso. Al momento, sono in fase di studio alcuni trattamenti specifici, che saranno testati con appositi trial. L’OMS è impegnata ad accelerare la ricerca in questo campo, con altri partner.

Infine, le istituzioni raccomandano di non ascoltare le voci o il sentito dire sull’epidemia di coronavirus ma solo di ascoltare gli esperti. Non date alcun credito ai messaggi vocali su Whatsapp né al post terroristici su Facebook o altri social.

Avete capito tutto unimamme?

Infine, per informazioni corrette e aggiornate sul nuovo coronavirus:

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK e INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

Coronavirus: psicosi e fake news | Come difendersi – Universomamma.it (Persone con mascherine a Hong Kong. Foto: PHILIP FONG/AFP via Getty Images)