medico scolastico
fonte: iStock

La Ministra Grillo vorrebbe introdurre la figura del medico scolastico.

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, in occasione del Convegno dell’Inps sulla tutela e assistenza dei minori, ha lanciato l’idea della reintroduzione del medico scolastico.

Medico scolastico: cosa potrebbe fare

Secondo il suo parere, questa figura dovrebbe essere presente in ogni scuola a partire da quelle dell’infanzia.

Il medico della scuola potrebbe quindi aiutare i bambini e i ragazzi su temi odierni e molto delicati come:

  • bullismo
  • disturbi della sfera psichica
  • fumo, alcol,
  • sesso

In questo modo si potrebbero individuare subito eventuali problemi o malattie.

Il medico scolastico inoltre potrebbe “essere un punto di riferimento nell’approccio all’infanzia e all’adolescenza”.

A sostegno della sua idea la ministra Grillo ha aggiunto: “non può essere il genitore da solo sempre a scoprire se il bambino ha qualche problema. Sto cominciando a studiare l’ipotesi: in base ai periodi della vita del bambino sarebbe bene avere anche la figura del pediatra mentre nel periodo successivo una con competenze psicologiche o altre figure che si alternano”.

“È un tema delicato perché devono essere persone qualificate. Ho cominciato da poco a lavorare a questa proposta, ma è tra le varie idee innovative. Si parla sempre di anziani ma non capisco perché si parli poco dei problemi dei giovani”.

Una volta il medico scolastico aiutava i piccoli a gestire:

  • influenza
  • morbillo
  • pidocchi
  • fare screening per eventuali problemi di vista, udito, peso

Infine questa figura poteva anche suggerire agli insegnanti di chiedere un colloquio coi genitori per approfondire eventuali problemi psichiatrici o di linguaggio.

La ministra è consapevole che, al giorno d’oggi, sono tante le minacce che pendono sui nostri bambini: la dipendenza dai telefonini, le sostanze stupefacenti perché purtroppo i ragazzi ne vengono a contatto in mille modi. Anche sul tema della sessualità è importante il confronto con gli esperti, oppure anche per avere anamnesi precosi per quanto riguarda le malattine nei bambini. Non possiamo pensare che i genitori possano affrontare tutto da soli”.

Naturalmente, questa innovazione avebbe un costo, ma la Grillo vede il problema in termini di prevenzione: “sempre meno di curare successivamente dipendenze ad esempio da alcol o malattie diagnosticate in ritardo”.

Unimamme, cosa ne pensate di questa proposta di cui si parla su RaiNews?

Leggi anche > Nelle scuole inglesi le tecniche per la salute mentale dei ragazzi