Home Mamma & Co. Accade nel mondo Parto di Kate Middleton: tutto pronto per l’arrivo del 3° Royal Baby...

Parto di Kate Middleton: tutto pronto per l’arrivo del 3° Royal Baby (FOTO)

CONDIVIDI
parto di kate middleton
Kate e Willam (Simon Dawson – WPA Pool/Getty Images)

Tutto pronto per il parto di Kate Middleton e l’arrivo del terzo Royal Baby. Londra in fibrillazione.

È iniziato il conto alla rovescia per la nascita del terzo Royal Baby della famiglia Windsor, il terzogenito dei Duchi di Cambridge William e Kate. Dopo George e Charlotte sta per arrivare un nuovo bambino o una nuova bambina; il sesso del bebè è ignoto, anche ai genitori. Il termine della gravidanza è top screct, ma le dimensioni del pancione di Kate, per lei che comunque è molto magra, e soprattutto i preparativi intorno alla clinica di Londra dove si terrà il parto fanno pensare che la nascita avverrà a breve.

I cronisti del gossip e i fan della famiglia reale britannica stanno tutti con le orecchie alzate, pronti alla notizia del lieto evento.

Kate Middleton con il pancione il giorno di Pasqua (Simon Dawson – WPA Pool/Getty Images)

Tutto pronto per il parto di Kate Middleton

La data del parto di Kate Middleton si avvicina, manca davvero poco all’arrivo del terzo Royal Baby, il fratellino o la sorellina di George e Charlotte. Non si conosce ancora se sarà un maschietto o una femminuccia, perché il sesso del bebè è ignoto, non solo al pubblico, ma anche agli stessi genitori. William e Kate hanno scelto infatti, come già avvenuto per George e Charlotte, di conoscere il sesso solo alla nascita, a sorpresa.

Presto però lo sapremo tutti, perché anche se non è noto il termine della gravidanza di Kate, la scadenza dovrebbe essere quasi arrivata: si parla della data del 23 aprile. Inoltre il 19 maggio si sposeranno il principe Harry e Meghan Markle e per quella data il Royal Baby sarà già nato.

William, Kate, Harry e Meghan (PAUL GROVER/AFP/Getty Images)

L’indizio più evidente dell’imminente nascita del bebè reale, tuttavia, è la chiusura della zona intorno all’ala privata del St Mary’s Hospital, la Lindo Wing, dove Kate ha già dato alla luce i figli George, il 22 luglio 2013, e Charlotte, il 2 maggio del 2015, e dove sono nati anche William e Harry.

Clarence House, una delle residenze della famiglia reale britannica, ha annunciato che il terzo Royal Baby nascerà nella Lindo Wing del St Mary’s Hospital. Davanti all’entrata dell’ala privata dell’ospedale e tutto intorno all’edificio sono state posizionate le transenne il 9 aprile, per tenere lontano i curiosi e contenere la folla. Molti saranno anche i fotografi e i giornalisti provenienti da tutto il mondo ad attendere l’uscita di Kate con il bebè in braccio. Nella zona non si potrà parcheggiare fino al 30 aprile. Quindi il Royal Baby nascerà entro i prossimi 20 giorni.

Il St. Mary Hospital si trova nel quartiere Paddington di Londra, vicino all’omonima stazione ferroviaria, a nord di Hyde Park e a pochi chilometri da Kensington Palace, residenza di William e Kate.

La Lindo Wing ha uno dei reparti maternità più moderni e prestigiosi. Partorire qui costa 5mila sterline, se il bambino nasce con parto naturale, 6mila invece se occorre un taglio cesareo. Questo il costo che si paga per le prime 24 ore, ogni notte extra costa 1.100 sterline. C’è da dire però che il team che seguirà Kate è composto da 20 medici.

Nei mesi passati c’è anche chi ha parlato di possibile parto in casa, anche perché essendo il terzo figlio è molto probabile che il travaglio sia più veloce.

La Lindo Wing del St Mary’s Hospital, dove nascerà il terzo Royal Baby (DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP/Getty Images)

Parto di Kate Middleton: data e nome del bebè

In vista del parto di Kate Middlenton è scattato il toto data e nome. I bookmaker inglesi hanno iniziato a raccogliere le scommesse. C’è chi punta sul 21 aprile, giorno del compleanno della regina Elisabetta II, che quest’anno festeggerà 92 anni, il 23 aprile, giorno di San Giorgio, e onomastico del piccolo George, chi scommette sul 29 aprile, giorno del 7° anniversario del matrimonio di William e Kate.

Per il nome i bookmaker puntano su Mary, seguito da Victoria e Alice per una bambina, e su Albert o Philip se sarà un bambino.

L’annuncio della nascita del terzo Royal Baby seguirà un protocollo ben preciso: la regina Elisabetta sarà informata per prima, poi gli altri membri della famiglia reale e i Middleton. Data la notizia ai familiari, verranno informati media, con la comunicazione del sesso del bambino, del peso e dell’ora della nascita. Per il nome, invece, bisognerà aspettare qualche giorno, come avvenuto già con le altre nascite.

Informati i media, la Casa reale renderà pubblica la nascita sui profili ufficiali di Twitter e Instagram della famiglia reale.

Al pubblico la notizia della nascita del Royal Baby sarà data dal banditore della città, vestito in abiti settecenteschi, che suonerà una campana e proclamerà ad alta voce la nascita del bebè. Quella del banditore è una figura che appartiene alla tradizione, che si è voluta mantenere nel cerimoniale. In passato, quando la gente non sapeva leggere, il banditore veniva usato spesso per leggere ad alta voce le norme e le disposizioni delle autorità.

Infine l’annuncio cartaceo della nascita verrà affisso sul tradizionale cavalletto davanti a Buckingham Palace.

Kate con il pancione e William (Chris Jackson/Getty Images)

L’ultima curiosità sulle nascite reali: gli uomini di norma non sono ammessi in sala parto, ma questa regola è stata annullata già con i precedenti figli. 

 Inoltre, le ostetriche che seguono Kate, che dovrebbero essere 3, sono tenute a non rivelare alcun particolare sulla nascita e per questo devono firmare un contratto. Durante i suoi precedenti parti, Kate è stata assistita da ostetriche che hanno mantenuto il più stretto riserbo.

Che ne pensate unimamme di tutto questo cerimoniale?

Ricordiamo anche che Kate Middleton all’inizio della sua terza gravidanza, come delle precedenti, ha sofferto di iperemesi gravidica, un disturbo con nausea e vomito forti che è molto più grave delle semplici nausee mattutine e che può essere perfino invalidante.