Stress da rientro dalle vacanze: come aiutare i bambini a superarlo

stress da rientro

Lo stress da rientro dalle vacanze può essere un problema per i bambini che devono tornare a scuola, ma anche per gli adulti. Dopo la spensieratezza e gli orari elastici delle ferie tornare alla routine quotidiana con i suoi ritmi serrati, soprattutto se si vive nelle grandi città, può essere davvero faticoso. Tra i sintomi più comuni ci sono stanchezza, malumore, ansia, irritabilità, difficoltà a concentrarsi. Capita sia agli adulti che ai bambini. Vediamo insieme alcune strategie per risolvere il problema.

Stress da rientro dalle vacanze: come aiutare i bambini

Per i bambini tornare a casa dalle vacanza e poi a scuola può essere un vero e proprio stress. Dopo i ritmi rilassati delle giornate libere al mare o in montagna, tra bagni e passeggiate, ritornare alle solite abitudini può essere un piccolo trauma, soprattutto quando la scuola è alle porte e ci sono ancora i compiti da finire. Per rendere meno traumatico il ritorno alla routine e superare lo stress da rientro, ecco alcuni consigli dagli esperti.

Ritorno graduale alla routine: anticipare la sveglia e la messa a letto. Per rendere meno traumatico il ritorno alle solite abitudini, meglio evitare gli shock e riprenderle in modo graduale. Già una settimana prima di riportare i bambini a scuola, iniziate a programmare la sveglia all’orario scolastico per abituarli quando dovranno tornare sui banchi ed evitare così lo shock del cambio improvviso. Lo stesso vale per la sera, se in vacanza si andava a letto tardi, una volta tornati a casa è bene che i bambini si abituino di nuovo ad andare a letto presto, per riprendere i soliti orari senza traumi.

Alla mattina concedete ai vostri bambini un risveglio dolce e qualche coccola, con una buona colazione. Dopo però abituateli ad essere subito operativi, in modo che siano pronti ad essere efficienti al mattino presto quando torneranno a scuola. Usate questa parte della mattinata per far finire ai vostri figli i compiti delle vacanze. Se non potete seguirli perché siete tornati già al lavoro, fatevi aiutare da nonni, parenti, amici o babysitter. In questo modo, poi, i bambini si riabitueranno a studiare evitando lo shock del rientro improvviso alle attività scolastiche.

Per evitare lo stress da rientro e riabituare l’organismo alle vecchie abitudini è importante anche una corretta alimentazione e fare movimento. Evitate i cibi troppo grassi, cercate di tornare all’alimentazione e agli orari dei pasti della vostra routine quotidiana, ma senza forzare. Per mantenere ancora un po’ lo spirito allegro della vacanza concedetevi una cena tutti insieme in pizzeria o uscite a prendere un gelato. Importante è anche fare movimento, per tonificare il corpo e ottimizzare i benefici della vacanza. Appena potete uscire a fare delle passeggiate, anche dopo il lavoro, le giornate ancora lunghe vi permettono di fare una passeggiata prima di cena. Fate in modo, inoltre, che i bambini stiano all’aria aperta il più possibile, portandoli al parco, prima di rinchiudersi in casa per tutto l’inverno.

Oltre a sveglia presto, conclusione dei compiti per le vacanze e abitudini salutari, cercate di far riprendere ai bambini le loro attività extrascolastiche, se sono riprese. Tutto deve avvenire in modo graduale, senza forzare i bambini, ma abituandoli comunque alle nuove regole.

Dopo le vacanze passate a trascorrere molto tempo insieme, al rientro in città e ai ritmi quotidiani bambini e genitori sono subito presi dai loro impegni. E’ importante invece che i genitori stiano il più possibile con i figli, dedicandogli ogni momento libero. Questo aiuterà il loro rapporto e a rendere più sopportabile lo stress da rientro.

Voi unimamme che ne pensate? Seguirete questi consigli?

In proposito vi segnaliamo il nostro articolo: Risveglio dei bambini: come evitare capricci e conflitti secondo gli esperti.

VIDEO: come gestire il rientro a scuola

Firma: valeria bellagamba

Notizie Correlate

Commenta