Una mamma racconta come la figlia si è ferita e ha avuto bisogno di un trapianto di pelle.

Una bambina è caduta: cosa le è successo

“Che ci serva di ricordo per quanto velocemente possono verificarsi gli incidenti. La mia bambina di 3 anni è saltata su un tapis roulant che andava a tutta velocità, poi è caduta sulla cinghia che si muoveva ed è rimasta incastrata tra questa e il muro.

Come risultato ha avuto diverse bruciature da frizione sulle mani, il collo, la spalla e le dita dei piedi.

Quando ho sentito andare la macchina e le sue grida mi sono sentita come se corressi nel catrame o che avessi dei blocchi concreti ai piedi. Mi sembrava di muovermi a velocità rallentata e non sono riuscita a raggiungerla abbastanza in fretta. Quando l’ho afferrata l’ho portata in bagno per vedere cosa le fosse successo.

Tremavo mentre la pulivo per vedere. Ho iniziato a piangere perché si era fatta veramente molto male. Da mamma riconosci la differenza tra un pianto da turbamento e uno da dolore e questo era davvero uno di dolore. Ho avvolto la sua mano con uno straccio freddo e ho chiamato mio papà per avere un po’ di ibuprofene e cose per pulirla.

Lei era ancora sconvolta e piangeva quando è arrivato. Io ero spaventata, era accaduto tutto in fretta.

Mi sentivo inutile nel cercare di farla sentire meglio perché sapevo che le faceva davvero male.

L’abbiamo portata al pronto soccorso più vicino , lì le hanno messo un po’ di crema sulle bruciature e le hanno avvolte. Ci hanno detto di rivolgerci al pediatra il giorno dopo.

Questi ha indicato alla mamma un ospedale lontano, per cui si sono dovuti alzare prima delle 6.

“Quando siamo arrivati Emma ha capito che stava succedendo qualcosa. La parte paggiore è stato rimuovere le bende in modo che i dottori potessero vedere le ferite. I medici hanno pensato che per lei sarebbe stato meglio avere un trapianto di pelle. Ci hanno inviato in un’altra sala di attesa. “

La procedura è durata un’ora e mezza, ha ricevuto tre trapianti, uno su ciascuna mano e uno su una spalla.

Le hanno dato una prescrizione per il dolore, ci hanno detto di tenere le bende asciutte e intatte e riportarla dopo una settimana. Per Emma è stata una sfida perché le piace fare il bagno. La prima volta che l’abbiamo lavata con la spugna è rimasta turbata perché non era un vero bagno. Ma lei è un agente di polizia, è venuta a patti sul fatto che ci sono alcune cose che non poteva fare a causa della bua”.

Siamo dovuti tornare per dei controlli altre due volte e tornare dopo 10 giorni. Per me è stato straordinario vedere quanto fosse guarito in una settimana la prima volta.

La piccola ferita sulla mano destra era guarita e il trapianto è venuto via completamente.

La seconda volta tutti i bendaggi sono venuti via eccetto una piccola parte. Il trapianto non ha rilasciato come avrebbe dovuto quindi ci hanno dato un po’ di crema da mettere una volta al giorno e ci hanno detto di farle il bagno e la doccia perché avrebbe aiutato a rilasciarla.

Se non fosse così, tra 10 giorni dovremmo fare un’altra operazione.

Siamo stati benedetti perché lei ha affrontato tutto bene. Mi sento obbligata a condividere la sua storia perché abbiamo appreso attraverso le visite al pronto soccorso, tramite il pediatra e l’ospedale che queste sono ferite molto comuni. Possono essere evitate tenendo la chiave di sicurezza lontano dalla macchina e dalla portata dei bambini. Se la chiave è in qualche posto accessibile possono inserirla nella fessura e accendere la macchina.

Se si trova in un luogo irraggiungibile loro non possono accendere la macchina.”

Unimamme, cosa ne pensate di questa vicenda di cui si parla su Love What Matters?

Noi vi lasciamo con la storia di un bimbo che ha riportato ustioni chimiche a occhi e labbra.