Nadia Toffa: omaggio al suo nome da parte dell’ospedale di Taranto – FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:42
Nadia Toffa reparto dedicato
Nadia Toffa per il reparto di ema-oncologia pediatrica (fonte: web)

Raccolte 90 mila firme per intitolare il reparto di onco-ematologia pediatrica dell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto a Nadia Toffa.

Unimamme, solo il mese scorso vi raccontavamo della petizione per dedicare a Nadia Toffa il reparto di onco-ematologia pediatrica dell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto a Nadia Toffa.

Nadia Toffa: la petizione fa progressi

NADIA TOFFA REPARTO
Nadia Toffa con la maglietta “Je Jesche pacce pe te!!!” (Fonte: Instagram)

Come ricorderete, la giornalista delle Iene morta il 13 Agosto scorso, era persino stata insignita della cittadinanza onoraria tarantina per il suo sostegno nell’apertura di questo reparto di cui i bambini e la città di Taranto aveva bisogno.

In poco più di un mese sono state raccolte 90 938 firme. La promotrice di questa petizione,  Alessandra Marotta di Nardò, ha presentato la petizione al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, chiedendo formalmente al  direttore generale della Asl di Taranto, Stefano Rossi, di deliberare l’intitolazione.

Il reparto di cui si chiede la dedica a Nadia Toffa, è stato inaugurato il 18 dicembre del 2018. Come accennavamo, la Toffa ha promosso l’iniziativa “ie jesche pacce pe te”. Lo slogan ha ricevuto notevole visibilità finendo su magliette e accessori venduti per finanziare la creazione del reparto.

LEGGI ANCHE > LA MAMMA DI NADIA TOFFA RICORDA LA FIGLIA: “CONTINUATE A STARCI VICINO” – FOTO & VIDEO

Il presidente della Regione Puglia, Miche Emiliano, ha anche detto di voler ampliare il reparto di onco ematologia pediatrica vista la grande necessità di posti letti che, al momento, sono solo 5.

“Lo dobbiamo a Nadia così come porteremo avanti alcuni dei progetti trovati da sua madre sul computer dopo la morte della giornalista. La Puglia e Taranto glielo devono” ha concluso Emiliano.

Alessandra Marotta, la promotrice dell’iniziativa ha commentato: “dietro il nome di Nadia ci sono quelli di tutti quei piccoli angeli che non ce l’hanno fatta ma hanno combattuto fino alla fine e di tutti quelli che stanno ancora combattendo”

Unimamme, cosa ne pensate di questa “eredità” di Nadia Toffa di cui si parla su Il Corriere?