Bimba caduta dall’11° piano di una nave: il nonno incriminato – FOTO

bambina morta su una nave da crociera
Bimba caduta dall’11° piano di una nave: il nonno incriminato. Universomamma

Il nonno che aveva lasciato cadere la nipote dall’11°piano di una nave da crociera è stato accusato di omicidio colposo.

Salvatore Anello, il nonno della piccola Chloe Wiegand, la piccina di 18 mesi precipitata dalla finestra di una nave da crociera è stato accusato di omicidio colposo.

Nonno nei guai con la giustizia

La tragedia si era consumata il 7 luglio scorso mentre la nave da crociera Royal Caribben su cui viaggiava insieme alla famiglia e al nonno Salvatore era attraccata a Puerto Rico. La  bambina era in braccio al nonno quando è sfuggita alle sue braccia mentre la teneva vicino a una finestra aperta nell’area bambini. Chloe ha fatto un volo dall’11esimo piano, precipitando per 150 metri e schiantandosi sul molo sottostante.

Ieri, lunedì 28 ottobre il tribunale ha formulato la pesante accusa di omicidio colposo dopo la presentazione delle prove da parte dei pubblici ministeri. “Il nonno pensava che ci fosse un vetro, ma non era così” sostiene l’avvocato difensore dell’uomo. I genitori di Chloe non incolpano Salvatore Anello per la tragedia, ma i membri dell’equipaggio che avevano lasciato aperta una finestra. I genitori della piccina infatti accusano: “abbiamo molte domande. Perché c’era una finestra aperta nell’area per bambini all’undicesimo piano?”. Da parte loro i responsabili della compagnia di navigazione hanno risposto che la finestra era aperta per aerare i locali.

LEGGI ANCHE > BAMBINA MORTA SU UNA NAVE DA CROCIERA: “NON è STATA COLPA NOSTRA” DICE LA FAMIGLIA 

Il nonno di Chloe aveva dichiarato: “la bambina voleva picchiare sul vetro come faceva sempre quando seguiva la partita di hockey di suo fratello”. L’avvocato ha aggiunto: “il nonno pensava che il vetro fosse dappertutto, ma non era così e lei se n’è andata in un istante”. Kimberly, la mamma di Chloe aveva dichiarato nella trasmissione Today della Nbc: “non voglio che nessuna mamma viva o veda quello che ho visto io o che gridi come ho gridato io”. Ora al nonno di Chloe è stata imposta una cauzione di 80 mila dollari, mentre l’audizione preliminare è prevista per il prossimo 20 Novembre.

Unimamme, cosa ne pensate di qest’ultimo sviluppo di cui si parla su Cbs News?