Malnutrizione e crisi economica, attenti alla qualità anche in tempo di crisi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30
0
54

La malnutrizione è una delle conseguenze dirette della crisi economica. Per i pediatri non bisogna penalizzare la qualità del cibo in tavola

malnutrizione crisi economica obesità
immagine da unsplash

Se le risorse economiche in famiglia scarseggiano, può capitare che i genitori cerchino di risparmiare in tutti i settori, anche nell’alimentazione

La malnutrizione e la crisi economica: un connubio dannoso

obesità , malnutrizione e crisi economica
immagine da unsplash

Nei paesi industrializzati esiste un tipo particolare di malnutrizione, quella legata al cibo “spazzatura”, ovvero a tutti quei cibi che contengono molti grassi e calorie ma di scarsissima qualità.

LEGGI ANCHE: COSA CONTIENE IL CIBO SPAZZATURA CHE PIACE AI BIMBI E COME EVITARLO

La crisi economica che sta attanagliando i paesi “ricchi” colpiti dalla pandemia potrebbe portare le famiglie, italiane e non, a voler risparmiare anche sulla alimentazione, dei grandi come dei bambini.

Per fare questo però non bisogna penalizzare la qualità del cibo che si mette in tavola, bensì cercare di cambiare abitudini sbagliate che fanno sperperare denaro.

Per i pediatri della Sipps, la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, è importante garantire ai più piccoli il giusto apporto di proteine, carboidrati, vitamine e di tutti gli altri nutrienti essenziali per un corretto sviluppo.

Ecco perché raccomandano di fargli consumare almeno due volte al giorno frutta e verdura, più volte al giorno i cereali, sotto forma di pasta, pane o riso, quattro volte a settimana i legumi, massimo quattro volte a settimana la carne e i derivati, quattro volte anche il pesce e soltanto una volta i formaggi e le uova.

LEGGI ANCHE: I CIBI CHE AIUTANO LO SVILUPPO DEL CERVELLO ESISTONO PER GRANDI E PICCOLI

Queste indicazioni nutrizionali, che possono essere seguite da tutta la famiglia, costituiscono il giusto apporto di nutrienti per uno sviluppo sano dei bambini.

Snack, bevande zuccherate, merendine: sono tutti prodotti che sugli scaffali dei supermercati vanno a ruba, sia perché pratici sia perché economici. Si è notato infatti che la crisi economica ha portato ad un aumento dei consumi di alimenti di questo tipo, soprattutto nelle zone del Sud Italia, dove la crisi colpisce maggiormente.

Ma per i pediatri questi alimenti portano alla forma di malnutrizione tipica della nostra società: l’obesità. Obesità e sovrappeso sono ormai una piaga sociale che il mondo della medicina sta cercando da diversi anni di combattere. I danni che possono riportare i bambini obesi sono a breve e lungo termine e vanno dal diabete all’ipertensione, alle malattie cardiache.

Per ridurre gli sprechi, quindi, non è necessario risparmiare sulla qualità dei prodotti quanto piuttosto pianificare meglio le spese:

  • Fare la lista della spesa per evitare di comprare prodotti non necessari e cercare sconti e promozioni sui generi non alimentari, per esempio i detersivi
  • cercare di preparare i pasti in casa evitando i precotti che sono dannosi sia per il portafogli che per la salute
  • acquistare prodotti di stagione, soprattutto frutta e verdura, è più economico e consente di far avvicinare i bambini ad una alimentazione sana, magari variando le preparazioni per offrire una scelta più ampia di gusto

LEGGI ANCHE: VIETATO LO ZUCCHERO: LE NUOVE LINEE GUIDA PER L’ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI FINO AI 2 ANNI

Questi sono solo alcuni accorgimenti per risparmiare sul budget familiare senza compromettere la salute, soprattutto dei bambini che per crescere hanno bisogno di prodotti sani e di qualità.

malnutrizione e crisi economica
immagine da unsplash

E voi unimamme cosa ne pensate?

Per restare sempre aggiornato su notizie, richiami e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.