Coronavirus a scuola: i dati sui contagi aggiornati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30
0
331

I casi di Coronavirus a scuola: i dati sui contagi in Italia aggiornati. Cosa bisogna sapere.

coronavirus scuola contagi
Coronavirus a scuola: i dati sui contagi aggiornati – Universomamma.it (Foto di MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

I contagi da nuovo Coronavirus Sars-CoV-2 sono in aumento anche nelle scuole, sebbene ancora con numeri contenuti rispetto ai contagi generali in Italia. Gli studenti risultati positivi al virus sono infatti meno dello 0,1% dei contagiati e nonostante l’aumento delle classi in quarantena o addirittura di intere scuole chiuse, la situazione al momento sembra sotto controllo.

Anche per questo motivo le scuole, nemmeno quelle superiori, non sono state chiuse dal governo con le nuove misure restrittive per il contenimento dell’epidemia. Era stata avanzata la proposta, infatti, di chiudere le scuole superiori tornando temporaneamente alla didattica a distanza. Un’ipotesi che invece è stata respinta dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che ha difeso con le unghie e con i denti il mantenimento delle scuole aperte.

LEGGI ANCHE: “STUDENTI NON SACRIFICABILI”: LA MINISTRA AZZOLINA SUI CONTAGI A SCUOLA

Generalmente i contagi da Coronavirus sono pochi nelle scuole. Si tratta per lo più di bambini o ragazzi che hanno contratto il virus fuori casa e in particolare in famiglia. Una situazione che, nonostante le chiusure, è stata confermata dalla prassi un po’ ovunque e che era stata confermata in Italia dalla ministra Azzolina sulla base dei primi dati sui contagi nella prima settimana di apertura delle scuole. Quindi, uno studio italiano aveva evidenziato che i contagi a scuola sono pochi. Vediamo ora i dati aggiornati.

Coronavirus a scuola: dati sui contagi aggiornati

Ministra Azzolina
Coronavirus a scuola: i dati sui contagi aggiornati – Universomamma.it  (Adobe Stock)

Con la risalita dei contagi da Coronavirus in tutto il Paese, inevitabilmente anche nelle scuole italiane i numeri sono in crescita. Oggi, il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato i dati sui contagi aggiornati alla data del 10 ottobre.

Contagi da Coronavirus nelle scuole italiane, i positivi per categoria

  • 5.793 studenti (pari allo 0,080%)
  • 1.020 docenti (pari allo 0,133%)
  • 283 casi tra il personale non docente (lo 0,139%)

I dati fanno parte del monitoraggio condotto dal Ministero con la collaborazione dei dirigenti scolastici e sono stati condivisi con l’Istituto Superiore di Sanità – ISS.

LEGGI ANCHE: RISCHIO COVID-19 A SCUOLA: IMPORTANTE IL RICAMBIO DELL’ARIA

Prospettive per il futuro

La situazione epidemiologica in Italia e nel resto d’Europa rimane incerta e preoccupante. Con l’inizio dell’autunno stiamo assistendo a un aumento esponenziale dei contagi da Coronavirus in diversi Paesi europei.  In Francia hanno adottato il coprifuoco a Parigi e in altre grandi città del Paese maggiormente colpite dal virus, nel Regno Unito da fine settembre sono in atto dei lockdown a livello locale e sono stati chiusi i pub. Restrizioni sono state introdotte anche in Belgio, Paesi Bassi e Germania. Una situazione molto difficile che potrebbe diventare critica nelle prossime settimana. Su una cosa, però, tutti i governi sembrano d’accordo: le scuole devono restare aperte il più possibile. Bambini e ragazzi sono stati fin troppo sacrificati nei mesi di lockdown durante la scorsa primavera. Si tornerà a  una chiusura generale solo in casi di grave emergenza.

In Germania alcuni deputati hanno proposto un maxi allungamento delle vacanze di Natale per tenere i ragazzi lontani da scuola nei mesi più freddi, quando sarà più difficile tenere aperte le finestre in classe, che coincidono tra l’altro con il picco della stagione influenzale. In Italia, il prof. Crisanti prevede già la necessità di un lockdown durante la vacanze di Natale per fermare il Covid-19. Una previsione che ha suscitato polemiche anche da parte di altri esperti.

Coronavirus a scuola: i dati sui contagi aggiornati – Universomamma.it (Scuola a Torino. Foto di Diana Bagnoli/Getty Images)

LEGGI ANCHE: PREVENZIONE COVID-19 A SCUOLA: VIA LIBERA AI TEST RAPIDI

Che ne pensate unimamme?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.