Mense scolastiche: la classifica delle migliori d’Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:08
0
250

Le mense scolastiche italiane hanno subito dei cambiamenti con l’inizio del nuovo anno, ma come erano prima del lockdown. La classifica.

Migliore mensa
Foto da Adobe stock

L’osservatorio delle mense scolastiche in collaborazione con Slow Food Italiaha stilato, per il quinto anno, la classifica dei menù scolastici e delle mense post lockdown.

LEGGI ANCHE: ALLARME: 1 MENSA SCOLASTICA SU 4 È IRREGOLARE, COSA MANGIANO I BAMBINI?

Purtroppo, più del 75% dei menù analizzati non segue le raccomandazioni dell’Oms. Quest’anno gli studenti che mangiano a scuola e sopratutto quelli con difficoltà, sono stati privati di un pasto sano ed equilibrato in base alle loro necessità.

Peggiore mensa
Foto da foodinsider.it

Dopo la presentazione del rapporto di Foodinsider, l’osservatorio nazionale delle mense scolastiche, si è visto come dopo il lockdown abbia cambiato anche il modo di mangiare a scuola. La ristorazione scolastica ha subito tantissimi cambiamenti che vanno dall’organizzazione fino alla scelta del menù. Questo ultimo è stato penalizzato, come spiega Slow Food: “Se fino a febbraio scorso si registravano moderati sforzi verso menù più sani e sostenibili in un quadro complessivo in cui a farla da padrone erano comunque proteine animali e carboidrati, la mensa post lockdown ha semplificato la propria offerta appiattendosi intorno a pasta e pizza”.

LEGGI ANCHE: LA GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE 2020, UN ANNIVERSARIO IMPORTANTE

La classifica delle migliori mense scolastiche è stata stilata prendendo in considerazione i dati dell’anno scorso fino a febbraio andando a valutare l’equilibrio e l’impatto sull’ambiente di una cinquantina di menù scolastici, rappresentativi di circa il 28% circa del panorama della ristorazione scolastica a livello nazionale. Da quello che è emerso è che ancora in tantissime scuole vengono serviti menù con maggiore frequenza di carne rossa rispetto a quella bianca, il 75%.

Tra i Comuni con una mensa migliore troviamo:

  • Cremona,
  • Fano,
  • Jesi,
  • Trento,
  • Rimini,
  • Bergamo
  • Mantova
  • Perugia
  • Sesto Fiorentino
  • Bolzano

Le mense delle grandi città sono a metà classifica, ad esempio Roma al 16° posto, Milano al 25esimo, Napoli 28 e Torino al 45esimo posto.

LEGGI ANCHE: ALIMENTAZIONE BIOLOGICA PER I BAMBINI: QUANDO E PERCHÉ SCEGLIERLA

In coda alla classifica ci sono tre comuni:

  • Benevento
  • Novara
  • Siracusa

Due esperti hanno commentato i dati ottenuti dal report. Il primo, lo scienziato e biogerontologo Valter Longo, critica i menù italiani: “Troppo ricchi di proteine e di carboidrati come pasta, riso, pizza, gnocchi e lasagne, che si trasformano in amidi e quindi zuccheri”, due condizioni “che sono tra le principali cause di obesità e sovrappeso”, ricordiamo che è uno dei problemi molto gravi.

Mensa a scuola
Foto da foodinsider.it

Il secondo, il medico ed epidemiologo Franco Berrino propone di tornare ad una cucina più casareccia eliminando cibi industriali e processati “per tornare a cucinare all’interno delle scuole proponendo piatti in linea con le indicazioni del World Cancer Research Fund e le Raccomandazioni dell’Oms”.

LEGGI ANCHE: VIETATO LO ZUCCHERO: LE NUOVE LINEE GUIDA PER L’ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI FINO AI 2 ANNI

Se già prima le mense avevano qualche punto sul quale dover lavorare per migliorarsi, le mense di quest’anno si trovano a dover affrontare altri problemi. Chi ha figli, nipoti che consumano un pasto a scuola avrà notato che i menù sono stati semplificati, ma sono stati introdotti stoviglie monouso e i genitori o i referti per la mensa dei genitori non possono più entrare per controllare come mangiano i bambini/ragazzi.

Sono soprattutto queste ultime a far crescere gli oneri economici per i Comuni e i costi ambientali, di cui non si tiene conto. La soluzione più green è quella di Venezia, dove i bambini sono abituati da anni a portare le stoviglie da casa, a cui si sono aggiunte la borraccia e la tovaglietta lavabile fornite dal Comune.

Di positivo c’è più silenzio mentre si mangia, sia in refettorio sia in classe, e un investimento sulla forza lavoro. Dopo anni di tagli del personale per la chiusura di cucine, introduzione di piatti processati ed efficienze di processo, si rende fondamentale aumentare la forza lavoro.

Per far si che ci sia il distanziamento tra le classi, alcune mense si sono dotate di plexiglass per separare le classi. L’appiattimento dei menù sembra essersi reso necessario perché l’aumento dei turni in mensa, anticipati anche prima di mezzogiorno, riduce il tempo per cucinare, così come servire i brodi ai bambini che mangiano nelle classi è più complicato: “In epoca di pandemia le cucine e i cuochi stanno alla mensa scolastica come gli ospedali e i bravi medici stanno al Covid”, sostiene Claudia Paltrinieri, direttrice di Foodinsider secondo cui l’indagine “dimostra che più sono diffuse le cucine sul territorio, più i cuochi sono formati e più è facile ‘curare’ l’alimentazione dei bambini che, in attesa di vaccini, è tra le migliori armi che abbiamo per proteggere la salute dei nostri figli”.

Voi unimamme cosa ne pensate di questa classifica? Com’è quest’anno la mensa dei vostri figli?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.