Economy of Francesco: 2000 giovani da 120 Paesi per un futuro migliore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26

Evento online “The Economy of Francesco”: 2000 giovani da 120 Paesi per un futuro migliore. In diretta da Assisi e in collegamento da tutto il mondo.

economy of francesco giovani
Economy of Francesco: 2000 giovani da 120 Paesi per un futuro migliore – Universomamma.it (Papa Francesco in visita ad Assisi nel 2013. Foto di Franco Origlia/Getty Images)

Un grande evento internazionale online per promuovere un’economia della pace e a misura d’uomo. Si tratta di The Economy of Francesco ed è trasmesso in diretta web da Assisi con professori e studiosi in collegamento da tutto il mondo e la partecipazione di 2000 giovani da 120 Paesi.

L’evento, organizzato dall’Istituto Serafico di Assisi, si sarebbe dovuto svolgere in presenza lo scorso marzo ma la pandemia di Covid-19 ha cambiato tutti i programmi. In questi mesi di lavoro è stato riorganizzato tutto per lo svolgimento sul web, con una tre giorni di panel e interventi dal 19 al 21 novembre. L’evento si concluderà con il saluto di Papa Francesco e il suo messaggio ai giovani.

The Economy of Francesco: 2000 giovani da 120 Paesi per un futuro migliore

Papa Francesco
Economy of Francesco: 2000 giovani da 120 Paesi per un futuro migliore – Universomamma.it (Foto da Facebook)

The Economy of Francesco è l’evento internazionale organizzato dall’Istituto Serafico di Assisi, che si occupa di ragazzi con con disabilità plurime, dedicato a un’economia giusta e a misura d’uomo con protagonisti giovani economisti, imprenditori ed esperti da tutto il mondo.

L’evento, iniziato nel pomeriggio di giovedì 19 novembre, si svolge tutto in diretta sul portale francescoeconomy.org, con conferenze, panel e interventi su temi economici. Oggetto della discussione sono il lavoro, le imprese e lo sviluppo economico orientati in funzione sociale e nel rispetto della sostenibilità ambientale.

The Economy of Francesco, infatti, propone un’economia della pace e a misura d’uomo che tuteli i diritti dei lavoratori, nella loro dignità umana e professionale, promuovendo uno sviluppo che sia funzionale in primo luogo alle esigenze umane e sociali, contrasti la povertà e rispetti l’ambiente in cui viviamo.

L’evento si è aperto con Listen to the cry of the poorest to transform the earth (Ascolta il pianto del più povero per trasformare la terra), video a cura dell’International Movement ATD Fourth World, il messaggio del Prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, Cardinale Peter Turkson, e il benvenuto del Comitato organizzatore. Le conferenze cono state aperte dall’intervento dell’economista Jeffrey Sachs della Columbia University.

Di seguito riportiamo una parte del discorso di apertura del Cardinale Peter Turkson:

Il 6 maggio 2016, Papa Francesco ha detto: ‘Se vogliamo ripensare la nostra società, dobbiamo creare posti di lavoro dignitosi e ben retribuiti, soprattutto per i nostri giovani. Fare ciò richiede la ricerca di nuovi modelli economici più inclusivi ed equi, non orientati al servizio di pochi, ma al beneficio della gente e della società come un tutt’uno. Per far ciò bisogna passare da un’economia liquida a un’economia sociale… Ciò competerebbe il passaggio da un’economia orientata al reddito, che trae profitto dalla speculazione e dal prestito a interesse, a un’economia sociale che investe nelle persone, creando posti di lavoro e fornendo formazione’“.

E ancora:

Come ha sottolineato san Giovanni Paolo II, ‘lo scopo di un’impresa non è semplicemente quello di realizzare un profitto, ma è da ricercarsi nella sua stessa esistenza come comunità di persone. Infatti, l’etimologia delle parole ‘compagnia’ e ‘compagni’ – cum (con) e panis (pane) – si riferisce allo ‘spezzare il pane insieme’. E l’etimologia della parola “corporazione” – dal latino corpus (corpo) – suggerisce un gruppo di persone “unite come un corpo unico”. Tuttavia, per essere effettivamente uniti, i lavoratori devono avere voce in capitolo nella comunità. Ecco perché la parola ‘unione’, specialmente in riferimento ai sindacati, rappresenta una componente così importante dei diritti dei lavoratori.  Tuttavia, brave persone e buone compagnie che generano buoni posti di lavoro non sono sufficienti per qualificare un’attività economica come buona. Dobbiamo anche produrre ‘beni buoni’, cioè beni che servono veramente le persone e rispettano l’ambiente. È tutto questo processo che ha il potere di generare una ‘buona ricchezza‘, che va oltre il mero profitto materiale, che promuove lo sviluppo umano integrale mentre ci prendiamo cura della nostra casa comune”.

Una tre giorni di interventi online, fino al 21 novembre, che vede come protagonisti i giovani, che si sono iscritti in 2000 da 120 Paesi diversi. I ragazzi parteciperanno condividendo l’esperienza vissuta, il lavoro, le proposte, e le riflessioni maturate in questi mesi di preparazione all’evento.

L’evento online è in inglese, con traduzione simultanea in italiano, francese, spagnolo e portoghese. Sono previste 4 ore al giorno di dirette streaming e una maratona di 24 ore il 20 novembre, con  collegamenti e i contributi dei giovani connessi.

Ad Assisi si tiene la regia dell’evento, con collegamenti in diretta dai luoghi storici francescani: la Basilica di San Francesco d’Assisi, la Chiesa di San Damiano, il Santuario di Rivotorto, la Basilica Santa Chiara, il Santuario della Spogliazione e il Palazzo Monte Frumentario.

L’evento è stato ideato a seguito dell’invito di Papa Francesco rivolto a economisti, studenti, imprenditori ed imprenditrici under 35 il primo maggio 2019, in occasione della festa di San Giuseppe Lavoratore, per un’economia nuova, a misura d’uomo. Il Pontefice, infatti, intende avviare, con i giovani e un gruppo qualificato di esperti, un processo di cambiamento globale affinché l’economia di oggi e di domani sia più giusta, fraterna inclusiva e sostenibile, senza lasciare nessuno indietro.

LEGGI ANCHE: PAPA FRANCESCO: “MAI FAR TACERE UN BAMBINO CHE PIANGE IN CHIESA”

Per partecipare a The Economy of Francesco è sufficiente collegarsi al portale francescoeconomy.org e cliccare sulla pagina dedicata alla diretta streaming. Sono in programma 12 villaggi tematici, trasformati in sessioni di lavoro online, che i giovani hanno preparato in questi mesi:

  • lavoro e cura;
  • management e dono;
  • finanza e umanità;
  • agricoltura e giustizia;
  • energia e povertà;
  • profitto e vocazione;
  • policies for happiness;
  • CO2 della disuguaglianza;
  • business e pace;
  • Economia è donna;
  • imprese in transizione;
  • vita e stili di vita.

Sono previste, inoltre, conferenze con relatori di fama internazionale, tra cui il Premio Nobel Muhammad Yunus, economisti ed esperti quali Kate Raworth, Jeffrey Sachs, Vandana Shiva, Stefano Zamagni, Mauro Magatti, Juan Camilo Cardenas, Jennifer Nedelsky, Sr. Cécile Renouard, oltre a numerosi imprenditori di consolidata esperienza. Tutti i relatori saranno disponibili ad ascoltare i giovani anche con colloqui personali oltre che in sessioni interattive di gruppi circoscritti di partecipanti.

A chiusura della tre giorni, è stata confermata la partecipazione “virtuale” di Papa Francesco con un video messaggio ai giovani partecipanti connessi via web con la Basilica di San Francesco d’Assisi. Per l’occasione, il 21 novembre alle 23.00 (ora italiana), il monumento al Cristo Redentore a Rio de Janeiro sarà illuminato con i colori simbolo di The Economy of Francesco: verde, marrone e giallo.

Nell’autunno nel 2021, è previsto l’incontro in presenza ad Assisi, quando le condizioni sanitarie permetteranno di assicurare la partecipazione di tutti.

L’organizzazione dell’evento è stata affidata a un Comitato Organizzatore composto da: Diocesi di Assisi, Istituto Serafico, Comune di Assisi, Economia di Comunione, e con il supporto, a nome della Santa Sede, del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, che patrocina l’iniziativa e le Famiglie Francescane.

economy of francesco assisi
Economy of Francesco: 2000 giovani da 120 Paesi per un futuro migliore – Universomamma.it (Assisi. Foto di TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

LEGGI ANCHE: PAPA FRANCESCO RACCONTA IL RAPPORTO CON IL NONNO

Che ne pensate unimamme di questa iniziativa? Noi vi terremo aggiornate con gli interventi più significativi.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.