Il pranzo di Natale va fatto in piedi: i consigli dell’esperto di malattie infettive

Alcuni consigli di un esperto per coloro che volessero organizzare un pranzo di Natale.

natale 2020
Foto da Adobe Stock

Unimamme, ormai si avvicina il Natale che, secondo l’ultimo dpcm, dovremo trascorrere con forti limitazioni per evitare che i contagi da Covid – 19 aumentino nuovamente a seguito delle feste.

Natale sicuro: i consigli di un esperto

Naturalmente il consiglio generale sarebbe quello di trascorrere queste feste: Natale e Santo Stefano solo con le persone conviventi. Poco tempo fa vi avevamo anche mostrato con una simulazione il rischio di un pranzo di Natale troppo affollato.

Ora, sull’argomento interviene anche Giovanni Di Perri, professore ordinario di malattie infettive all’Università di Torino. Come dicevamo l’ideale sarebbe stare solo con persone che convivono o che si sono frequentate di recente. Dovrebbe quindi esserci un limite di posti a tavola, con il numero di commensali il più basso possibile, escludendo parenti over 65 “se gli vogliamo bene questo è l’anno di lasciarli tranquilli”. Se proprio non si volesse rinunciare a un pranzo natalizio lo si dovrebbe fare in piedi.

pranzo natale sicuro
Foto da Adobe Stock

Il dottor Perri consiglia anche, eventualmente, un tampone rapido, evidenziando però che questo non fornisce la sicurezza al 100% di essere immuni dal contagio, né la possibilità di diffonderlo. Un altro suggerimento è quello di viaggiare con la propria automobile insieme a persone conviventi.

Inoltre un’ulteriore accortezza a Natale dovrebbe essere quella di tenere aperte le finestre della stanza dove si svolge il pranzo o la cena, indossando la mascherina quando non si sta a tavola. Secondo l’esperto bisognerebbe far sedere vicini a tavola le persone conviventi. Di Perri infatti spiega che la maggior parte dei contagi avviene tramite il respiro quindi le mascherine andrebbero tolte solo per mangiare e indossate nell’attesa delle varie portate.

Al momento dei saluti niente convenevoli ravvicinati o assembramenti, idem alla consegna dei regali. Potrebbe sembrare superfluo, ma ricordatevi di portare con voi anche il gel disinfettante.

Unimamme e voi cosa ne pensate di questi suggerimenti di cui si parla su La Stampa? Voi farete comunque il pranzo di Natale con poche persone o quest’anno avete pensato di evitare?