Kobe Bryant, ricordo moglie: “la morte è garantita, vivere il resto della giornata no”

Vanessa Bryant ha pubblicato un messaggio molto profondo all’avvicinarsi del primo anno dalla tragica morte del marito Kobe Bryant e della figlia 13enne Gianna.

Kobe Bryant morto anniversario
fonte : Vanessa Bryant- Instagram

Unimamme, il 26 gennaio del 2020 il mondo e gli Stati Uniti in particolare sono rimasti sconvolti dalla tragica morte dellla stella del basket Kobe Bryant, ex cestista dei Los Angeles Lakers e leggenda dell’NBA.

Il giocatore di basket si è schiantato con un elicottero insieme alla figlia Gianna, tredicenne e ad alcuni amici, oltre al pilota Ara Zobayan. L’elicottero su cui vi si trovava Kobe Bryan e altre otto persone in totale si era levato in volo nonostante la forte nebbia, tanto che la polizia di Los Angeles aveva deciso di tenere a terra i propri per alcune ore.

Primo anniversario della morte di Kobe Bryan: la moglie scrive un messaggio

La morte di tutti i passeggeri dell’elicottero, finito contro una collina nei pressi di Calabasas, è stata immediata, come dimostrato dalle autopsie.

Bryant ha lasciato la moglie Vanessa, con la quale era sposato da 20 anni e 3 figlie: Natalia, di 17 anni, Byanka Bella di 4 e la piccola Capri, che ha poco più di un anno.

All’indomani del dramma Vanessa Bryan aveva dedicato un messaggio molto commovente al marito defunto e alla figlia Gianna, anche lei giocatrice di basket in cui aveva espresso il desiderio di poterli riabbracciare un’ultima volta.

Durante il 2020 la vedova del noto cestista ha continuato a mentenere vivo il ricordo del marito e della figlia postando immagini e filmati sul suo profilo Instagram. Per il 42°esimo compleanno del marito Vanessa ha scritto a Kobe: “ti amo e mi manchi più di quanto possa mai spiegare. Vorrei che tu e Gigi foste qui per festeggiarti!”.

fonte : Vanessa Bryant- Instagram

Ora Vanessa Bryan ha scritto un nuovo post in cui parla del suo lutto e di come lei cerca di conviverci, un messaggio che sicuramente può aiutare tante persone che si trovano nella stessa situazione.

Ecco che cosa ha scritto su Instagram: “il dolore è un ammasso di emozioni confuse. Un giorno ridi e quello dopo non ti senti nemmeno vivo. Voglio dirlo per quello persone che stanno lottando con il lutto a hanno il cuore spezato a causa di una perdita.

Trovate la vostra ragione per vivere. So che è dura.

Io guardo le mie figlie e per loro cerco di far passare quel sentimento. La morte è garantita, ma vivere il resto della giornata no. 

Trovate la vostra ragione.”

Insieme al messaggio Vanessa Bryan ha postato anche una foto di lei insieme al marito, sorridenti.

Vanessa Bryant ricorda il marito Kobe: "Guardo le mie figlie e cerco di superare tutto per loro" | FOTO
Vanessa Bryant ricorda il marito Kobe: “Guardo le mie figlie e cerco di superare tutto per loro” | FOTO – fonte: Getty

Infine in un nuovo messaggio risalente a meno di 24 ore fa la donna ha chiesto ai media di non diffondere foto dell’incidente perché lei e la sua famiglia, le sue figlie, non vogliono vederle. La Bryan ha ricordato che ci sono migliaia di foto con cui possono ricordare il grande campione e sua figlia Gianna in momenti sereni e di felicità.

Di recente inoltre Vanessa Bryant è stata in causa con la madre, Sofia Lane. La signora Lane chiedeva il pagamento di arretrati per il lavoro di assistente personale e tata. Inoltre gli avvocati della donna hanno ricordato alla vedova di Bryant che suo marito aveva giurato di prendersi sempre cura di lei. Ecco che cosa ha risposto Vanessa in una dichiarazione riportata sul Corriere: “Lei ha badato alle nipoti di tanto in tanto, come una normale nonna, ma non si è mai occupata delle nostre finanze. Ora chiede di essere pagata 96 dollari l’ora per aver lavorato 12 ore al giorno per 18 anni badando alle nipoti.

Unimamme, voi cosa ne pensate delle parole di Vanessa Bryant?