Michelle Obama depressa: la sua confessione e il racconto della convivenza forzata con le figlie

Michelle Obama depressa? La moglie dell’ex presidente americano racconta come ha vissuto la pandemia con le figlie a casa,  un periodo difficile.

Michelle Obama
Michelle Obama fonte Getty

Unimamme, quando una personalità di spicco parla di problemi mentali fa un favore a tutta la comunità, perché ancora oggi, purtroppo, vi è uno stigma al riguardo.

Se poi a trattare l’argomento è Michelle Obama, con la sua ampia risonanza, è ancora meglio.

Michelle Obama: la confessione su depressione e figlie michelle obama cover

michelle obama cover fonte People- InstagramIn una recente intervista su People Michelle Obama ha raccontato come ha trascorso il periodo della pandemia e i cambiamenti che ha comportato.

Il titolo della cover è: Love, family and what i know now (Amore famiglia e quello che so ora).

All’inizio del 2020 gli Obama, con le due figlie: Sasha e Malia al college si stavano dedicando  ai loro progetti, quando il Covid-19 è arrivato in America causando il primo lockdown.

Ecco cosa ha detto l’ex first Lady: stavo festeggiando il fatto che le ragazze stavano costruendo le loro vite e mi avevano concesso lo spazio emotivo per lasciarle andare. E poi, ecco: sono tornate!”.


LEGGI ANCHE: BARACK E MICHELLE OBAMA: LA FIGLIA A HOLLYWOOD, L’ENNESIMA NOVITA’ IN FAMIGLIA


Michelle Obama, come molti altri genitori, ha dovuto cercare un nuovo equilibrio con le figlie, ormai grandi.

Lei non voleva che le figlie, nonostante l’inusuale situazione, perdessero la loro indipendenza, importantissima per due giovani donne come loro.

“Sono tornate da giovani donne e le nostre conversazioni ora sono più da pari che da madre-figlia”.

Michelle Obama ha colto l’occasione per parlare dei suoi problemi affermando di aver affrontato una lieve forma di depressione.

“La depressione è comprensibile in questi tempi“, la moglie di Barack Obama ha spiegato di aver vissuto diverse esperienze difficili, come l’assassionio di molte persone afroamericane da parte della polizia, come George Floyd, e poi la quarantena.

Michelle ha aggiuno di aver avuto bisogno di consapevolezza su quanto stava attraversando.

Molte volte ci sentiamo come se dovessimo coprire quella parte di noi stessi, come se dovessimo sempre elevarci al di sopra e non far vedere che stiamo remando forte sott’acqua”.

Infine conclude: “una delle cose che mi sta aiutando è che sono abbastanza grande da sapere che le cose andranno meglio. La salute mentale è così: ci sono alti e bassi”. 

A breve, vi ricordiamo, su Netflix andrà in onda la serie Waffles + Mochi in cui è coinvolta anche lei.

Unimamme, cosa ne pensate di queste dichiarazioni di Michelle Obama?