App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla
App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla

App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla

L’app immuni è disponibile e sarà attiva dall’8 giugno in alcune Regioni italiane. Ecco come scaricarla e come funziona anche per proteggere la privacy.

App immuni
App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla – Universomamma.it

E’ disponibile l’app che servirà per contenere la pandemia, basterà scaricarla sul proprio smartphone. Per il momento solo in alcune Regioni italiane sarà attiva completamente e dopo qualche giorno anche in tutta l’Italia. L’app è stata sviluppata dalla milanese Bending Spoons sfruttando gli strumenti tecnici di Apple e Google su architettura decentralizzata.

LEGGI ANCHE —> CORONAVIRUS IN ITALIA | CROLLANO I CONTAGI, ANCHE IN LOMBARDIA | DATI AL 1° GIUGNO

App immuni: dove scaricarla, come funziona e la tutela della nostra privacy

Dopo una serie di polemiche ed informazioni a volte errate, adesso è possibile scaricare da Play Store di Android e da App store di Apple l’app immuni ed è stato anche aperto il sito ufficiale: immuni.italia.it. Il via libera è stato dato dal Garante della Privacy, l’app raccoglierà subito i dati, ma le notifiche sui possibili contagi arriveranno a partire dall’8 giugno, ma solo in 4 Regioni italiane: Puglia, Abruzzo, Marche e Liguria. Come riferiscono dal ministero dell’Innovazione “nel giro di qualche giorno anche in altre Regioni italiane”. Il dottore Pierluigi Lopalco, epidemiologo a capo della task force pugliese per l’emergenza coronavirus, ha spiegato: “più di una sperimentazione si tratterà di un test”.

App immuni
App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla – Universomamma.it (credits: Ministero)

Se l’app venisse scaricata da più della metà della popolazione, potrebbe consentire di contenere una possibile recrudescenza dei contagi da Sars-Cov2 e aiutare nella fase due evitando di chiudere di nuovo il Paese.

LEGGI ANCHE —> COSA CAMBIA DAL 3 GIUGNO PER GLI SPOSTAMENTI: LE NUOVE REGOLE

Per scaricare l’app sullo smartphone sarà necessario avere dei requisiti, come si legge sul sito dell’app:

  •  App Store
    Si può scaricare Immuni dall’App Store e usarla correttamente se l’iPhone ha iOS versione 13.5 o superiore. Aggiorna iOS all’ultima versione disponibile prima di effettuare il download di Immuni.
    I modelli di iPhone che supportano iOS 13.5 sono i seguenti: 11, 11 Pro, 11 Pro Max, Xr, Xs, Xs Max, X, SE (2nd generation), 8, 8 Plus, 7, 7 Plus, 6s, 6s Plus, SE (1st generation). Purtroppo, non potrai usare Immuni se il tuo modello di iPhone non permette l’aggiornamento di iOS a una versione pari o superiore alla 13.5.
  • Google Play
    Si può scaricare Immuni da Google Play e usarla correttamente se lo smartphone Android verifica tutti e tre i seguenti requisiti:
    • Bluetooth Low Energy
    • Android versione 6 (Marshmallow, API 23) o superiore
    • Google Play Services versione 20.18.13 o superiore
App immuni
App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla – Universomamma.it (credits: Ministero)

Il funzionamento dell’app è molto semplice; basterà inserire pochi dati e il sistema funzionerà in automatico: saranno gli smartphone sui quali è presente l’app, quando si troveranno a una distanza inferiore a un metro, a scambiarsi dei codici generati automaticamente e in maniera anonima così da poter risalire a chi è a rischio nel caso qualcuno risulti poi contagiato. Il messaggio sui telefoni di coloro che sono venuti in contatto con la persona risultata positiva partirà dall’Asl di riferimento. L’esperto ha fatto un esempio:Se sono in fila al supermercato e non viene rispettata la distanza di un metro, il mio smartphone scambierà un codice con il telefono di chi mi è accanto. A quel punto, se io il giorno dopo dovessi risultare positivo, la persona che inconsapevolmente è stata a contatto con me lo verrà a sapere“.

App immuni
App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla – Universomamma.it (credits: Ministero)

Su di un punto si è discusso molto, la tutela della privacy. I creatori dell’app fanno sapere che è stata posta molta attenzione per la tutela della privacy di chi lo userà. Di seguito alcune delle misure con le quali Immuni protegge i dati:

  • L’app non raccoglie alcun dato che consentirebbe di risalire alla propria identità. Infatti, non chiede e non è in grado di ottenere nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono o indirizzo email.
  • L’app non raccoglie alcun dato di geolocalizzazione, inclusi i dati del GPS. Gli spostamenti non sono tracciati in alcun modo.
  • I dati salvati sullo smartphone e le connessioni tra app ed il server sono cifrati.
  • Tutti i dati, siano essi salvati sul dispositivo o sul server, saranno cancellati non appena non saranno più necessari e in ogni caso non oltre il 31 dicembre 2020.
  • È il Ministero della Salute il soggetto che raccoglie i dati. I dati verranno usati solo per contenere l’epidemia del COVID-19 o per la ricerca scientifica.
  • I dati sono salvati su server in Italia e gestiti da soggetti pubblici.

LEGGI ANCHE —> “LE MASCHERINE LIMITANO LA TRASMISSIONE DEL VIRUS”: UNO STUDIO LO CONFERMA | FOTO

Voi unimmme avete scaricato già l’app? la scaricherete?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

App immuni
App Immuni è disponibile: come funziona e come scaricarla – Universomamma.it (credits: Ministero)