Eleonora Daniele distrutta: “ho pianto e fa male che non cambi mai nulla”

Anche la conduttrice televisiva Eleonora Daniele interviene sulla vicenda di Evan Giulio, il bambino ucciso a causa delle botte.

Evan bambino morto
credits: eleonora_daniele_official Instagram- Ragusa news (Twiter)

Unimamme, in questi giorni si è molto dibattuto della vicenda riguardante la tragica sorte di Evan Giulio, morto a 21 mesi a causa delle violenze perpetrate dai genitori. Anche la presentatrice e neomamma Eleonora Daniele ha voluto dire la sua, ma non solo lei.

Eleonora Daniele e Alberto Pellai: riflessione sulla morte di Evan

Eleonora Daniele è da pochi mesi mamma entusiasta della piccola Carlotta, quindi è del tutto normale che la drammatica vicenda del piccolo Evan Giulio, bambino di 21 mesi di Modica, morto per i crudeli maltrattamenti subiti dalla mamma: Letizia Spatola e dal compagno di lei: Salvatore Blanco, l’abbia toccata nel profondo.

LEGGI ANCHE: ELEONORA DANIELE RAGGIANTE SU INSTAGRAM: IL REGALO PIU’ BELLO

Il bimbo, prima della morte, era stato già 3 volte al pronto soccorso dell’Ospedale di Noto con lesioni riconducibili a violenze, per uno di questi era partita la segnalazione a carico della madre. Anche il padre del piccolo, che non viveva con lui, Stefano, il 6 agosto scorso, aveva sporto una denuncia, arrivata in procura solo il 22 agosto.

Evan bambino morto per le botte
credits: Ragusa News- twitter

Il piccino è spirato il 17 agosto scorso e ora sono in tanti a chiedersi se per questo bambino non si potesse fare di più e che se le autorità competenti si fossero mosse con maggior solerzia, ora Evan Giulio sarebbe qui.

LEGGI ANCHE: ELEONORA DANIELE MAMMA RACCONTA I SUOI PIANI FUTURI | FOTO

Come dicevamo, tra le voci che si sono levate a commentare la vicenda c’è quella di Elenora Daniele, che oggi ha scritto un lungo messaggio sul suo account Instagram.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ho letto la storia del piccolo Evan . E ho pianto . Perché chi doveva tutelare la vita di questo bambino non ha fatto nulla ? Quando ti arriva un bimbo pieno di lividi in ospedale non ti scatta la molla di strapparlo dalle mani dei suoi aguzzini ? La mamma indagata da un mese, ma chi pagherà ora per non averlo strappato immediatamente dai suoi carnefici? In quel mese il bambino doveva essere messo in salvo. Appena ci sono segnali di questo genere una giovane vita va messa in protezione, perché succedono ancora queste cose? Perché si parla di tutela dell’infanzia e poi si lasciano dei figli in mano a dei genitori di quel genere? È possibile che nessuno abbia fatto nulla. Non riesco nemmeno ad immaginare cosa abbia dovuto soffrire e sopportare questo povero piccolo. E mi fa male che ci ritroviamo a raccontare spesso fatti di questo genere e che non cambi mai nulla , ci vogliono sostegni mirati e interventi più rapidi. Così non si può . Non si può far morire un bambino . Non si può . #cambiamolecose #evanpernondimenticare

Un post condiviso da Eleonora Daniele Official (@eleonora_daniele_official) in data:

La conduttrice dà voce a tante persone che hanno letto la storia di questo bimbo. “Ho letto la storia del piccolo Evan . E ho pianto . Perché chi doveva tutelare la vita di questo bambino non ha fatto nulla?“. La Daniele si chiede, angosciata, perché chi doveva intervenire non l’ha fatto, la conduttrice sottolinea anche la lentezza delle autorità, che hanno lasciato trascorrere un mese dalla segnalazione e aggiunge ancora: Perché si parla di tutela dell’infanzia e poi si lasciano dei figli in mano a dei genitori di quel genere?  Non riesco nemmeno ad immaginare cosa abbia dovuto soffrire e sopportare questo povero piccolo”.

Secondo lei ci vogliono sostegni mirati e interventi più rapidi, perché ” “non si può far morire un bambino . Non si può” .

LEGGI ANCHE:  “NON HO MAI PROVATO UNA COSA SIMILE” ELEONORA DANIELE PRESENTA CARLOTTA | FOTO

Sull’accaduto è intervenuto anche lo psicoterapeuta Alberto Pellai su Facebook. Secondo lui il piccolo si poteva salvare. “Evan Giulio era troppo piccolo per poter dire in quale inferno era costretto a vivere. Però esistevano molte prove del suo star male” inizia infatti così il suo lungo post in cui parla di come il piccino sia stato trattato come un oggetto, come un bambolotto i cui segni di sofferenza sono stati palesemente ignorati molte volte. Pellai ha ricordato lo scandalo di Bibbiano che indignò l’Italia e che in questo caso, invece, è accaduto il contrario, Evan è rimasto tra le grinfie di chi gli faceva del male.

bambino ucciso dalle botte
credits: Radio Ram Rosolini – Twitter

Nel suo articolo di commento su Famiglia Cristiana ha ribadito che Evan Giulio era ancora troppo piccolo per raccontare cosa gli accadeva, ma che anche se fosse stato un po’ più grande forse non avrebbe detto nulla, perché i piccoli, purtroppo, tendono a proteggere gli adulti che abusano di loro. La morte di Evan Giulio si poteva evitare se gli organi e le persone adulte e competenti preposte a tutelarlo fossero intervenute, per esempio dopo i numerosi accessi al pronto soccorso per lesioni traumatiche. Purtroppo così non è stato.

Unimamme, voi cosa ne pensate di queste considerazioni? Eravate al corrente della vicenda?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.