Il feto e il suo papà, il loro legame si crea già dal pancione

Il feto riconosce il suo papà, il loro legame si crea già dal pancione: la voce e il tocco del padre influenzano positivamente il bimbo

legame feto papà
immagine da adobestock

I futuri papà sono sempre più presenti e informati, già durante la gravidanza. Ecco perché è importante che si stabilisca un legame già dal pancione tra feto e papà

Il feto e il papà, un legame dal pancione per la vita

legame tra il feto e il papà
immagine da pixabay

La figura paterna è stata molto rivalutata negli ultimi decenni. Per fortuna il concetto di padre si è ampliato e oggi viene visto come figura di riferimento anche emotiva e psicologica per il bambino.

LEGGI ANCHE: COPPIA E SESSO IN GRAVIDANZA: PROBLEMI E SOLUZIONI

In gravidanza invece, seppure molti uomini già partecipano ai corsi prenatali e cercano di informarsi molto durante la gravidanza e di essere molto presenti, c’è ancora un po’ di senso di inadeguatezza che molti uomini vivono perché non condividono con la madre il rapporto speciale che si crea tra feto e mamma nel pancione.

E’ stato dimostrato da diversi studi che già dalle 20 settimane il feto può sentire suoni e voci, può sentire il tocco sulla pancia. Nelle settimane successive poi perfeziona queste competenze e distingue meglio voci suoni e addirittura pare che possa anche reagire in modo diverso ai diversi stimoli.

Dunque il legame tra il feto e il papà si può instaurare anche durante la gravidanza, molte sono le testimonianze di bambini che hanno riconosciuto la voce del papà appena nati, e di padri che hanno creato un legame unico col proprio figlio già quando era nella pancia di mamma.

A livello psicologico questo è molto positivo per gli uomini, che a volte durante la gravidanza si allontanano perché temono di non essere all’altezza del legame che si instaura tra la mamma e il bimbo in quei mesi di simbiosi, e a volte può scatenare anche una vera e propria gelosia nei confronti del nascituro.

Questo perché il sentirsi padre è un concetto che si costruisce piano piano, non è immediato come per la donna e richiede un cambiamento di prospettiva da parte dell’uomo, il rispetto e la condivisione con la propria compagna di tutti i momenti e gli stati d’animo della gravidanza, sia dal suo punto di vista che da quello femminile.

LEGGI ANCHE: LA GRAVIDANZA È ANCHE DEL PAPÀ | LA SCIENZA LO DIMOSTRA

Questa unione, questo rapporto a tre che si instaura nei mesi di gestazione, sarà utilissimo dopo la nascita, quando vi sentirete destabilizzati e si dovrà ricreare un equilibrio di coppia.

La voce, la musica, le favole, le carezze al pancione sono piccoli gesti fondamentali per creare quel legame speciale che il bimbo ha con il suo papà, un legame innanzitutto biologico ma che può essere anche emotivo e affettivo.

Un ultimo accenno va fatto anche alla coppia. Se infatti il legame con il piccolino è importante che si crei con entrambi i genitori, anche quello tra la mamma e il papà influenza il bimbo fin da prima della nascita.

La donna infatti trasmette al suo bimbo emozioni e stati d’animo, attraverso i fluidi che si scambiano il bambino è capace di interagire con la mamma anche a livello emotivo, quindi è importante che la coppia abbia un rapporto felice durante la gravidanza, di amore e serenità, un dialogo aperto e esperienze condivise, per il benessere della mamma ma soprattutto del bimbo.

LEGGI ANCHE: LA BABYMOON, UNA FUGA ROMANTICA PER MAMMA E PAPÀ

Partecipare al corso preparto, concedervi dei momenti insieme, fare cose stimolanti per entrambi, parlare insieme con il bambino: queste cose vi aiuteranno a sentirvi già genitori, a preparare la famiglia al lieto evento e porteranno benefici anche alla coppia.

legame feto con il suo papà
immagine da pixabay

E voi unimamme? i vostri compagni come hanno vissuto la gravidanza?

Per restare sempre aggiornato su notizie, richiami e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.