Il “bagnetto” più antico della storia: la scoperta italiana

Incredibile scoperta delle più antiche impronte di bambino, un’importante scoperta sulle origini della nostra civiltà.

primi bagni dei bambini
credits: Missione archeologica italiana a Melka Kunture

Unimamme, una spedizione archeologica italiana ha portato a incredibili risultati, scoperte che ci possono aiutare a conoscere meglio il nostro passato.

Piedi dei bambini nell’antichità: risultati

La scoperta fatta dalla nostrana spedizione archeologica è stata pubblicata sulla prestigiosa Quaternary Science Review. A tenere le fila di questa impresa sono stati Margherita Mussi e Flavio Altamura dell’Università Sapienza di Roma, ma hanno partecipato anche altre persone come studiosi dell’Università di Cagliari, della britannica Bournemouth University e del museo tedesco Geoskop.

LEGGI ANCHE: LA TENEREZZA DEI PIEDI DEI NEONATI IN 15 STRAORDINARIE IMMAGINI

Si tratta, nello specifico, di impronte di bambino che hanno 1,2 milioni di anni. Sono state trovat in un fiume preistorico a Melka Kunture , in Etiopia.  Le impronte sono quasi tutte appartenenti a bambini ed adolescenti delle specie umane dell’Homo Erectus ed ergaster, ma potrebbero anche essere  di Homo heidelbergensis arcaico.

LEGGI ANCHE: PANICO AL PARCO ACQUATICO: BOLLE E SANGUE SUI PIEDI DEI BAMBINI

Per la precisione dallo studio sugli strati del sito archeologico bisogna risalire a 1,2 milioni – 850 mila anni fa. Per gli esperti si sono formati in un ambiente fluviale e paludoso su cui piovevano le ceneri di vulcani assai prossimi.

primi bagni bimbi preistorici
credits Missione archeologica italiana a Melka Kunture

Le impronte dei bambini, vicine a quelle di erbivori e molluschi, dimostrano che i piccoli ominidi entravano in acque basse e pulite, così come facevano gli animali” scrivono i ricercatori.

LEGGI ANCHE: BAMBINA DI 2 ANNI CON GRAVI USTIONI: POTREBBE PERDERE I PIEDI

Margherita Mussi, direttrice della Missione archeologica spiga che secondo lei questa scoperta può essere considerata quella dei primi bagni dei bambini di cui si ha prova scientifica. Anche a quell’epoca infatti i piccoli erano attirati da acqua e pozzanghere, un po’ come fanno i nostri piccoli quando c’è un po’ di pioggia. La direttrice della Missione Archeologica ha aggiunto che anche 1 milione di anni fa i bambini preistorici entravano in acqua per lavarsi, oppure con l’intento di catturare c0sì, a mani nude, pesci e molluschi da mangiare oppure, più semplicemente, per giocare.

bagni bimbi preistorici
credits: Missione archeologica italiana a Melka Kunture

Unimamme, cosa ne pensate di questa importante scoperta pubblicata su Quaternary Science Rewiew? Noi vi lasciamo con uno studio su piedi scalzi e raffreddore.

 

 

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.