Giochi all’aperto: quali i migliori per far divertire i bambini?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:46

Quali sono i migliori giochi all’aperto per far divertire i più piccoli? Un aiuto forse viene dalla nostra infanzia dove ne esistevano di bellissimi.

Giochi (fonte unsplash)
Giochi (fonte unsplash)

Oggi, con l’avvento della tecnologia, tra iphone, ipad, playstation e videogiochi, molti bambini hanno perso la bellezza del gioco all’aperto.

Certo questo non vuol dire che bisogna demonizzarla, come si è visto in un articolo recente, ma la migliore cosa da fare è quella di conoscerla più approfonditamente possibile per far giocare in sicurezza il nostro bambino.

In ogni caso, con le belle giornate, che tra poco lasceranno spazio al freddo e alla pioggia, si possono organizzare interi pomeriggi divertenti insieme agli amici del nostro bimbo.

Certo ora con la situazione Covid19 è tutto molto più complicato, ma con le giuste accortezze si può fare qualsiasi cosa in sicurezza.

Del resto, poi, trascorrere qualche ora all’aria aperta non solo fa bene al fisico ma anche alla mente che si ricarica e si rasserena un pò.

Inoltre in un articolo recente abbiamo visto come la fantasia può aiutare i genitori in casa con i propri bambini ad organizzare delle avventure fantastiche che coinvolgono l’intera famiglia.

Allo stesso modo è possibile sfruttare l’immaginazione per giocare fuori all’aperto, ma al tempo stesso si può fare ricorso a qualche bel gioco del passato preso dalla nostra infanzia.

Ma quali sono i giochi più divertenti da fare all’aperto?

Giochi all’aperto: i migliori per fare divertire i bambini

Bambini che corrono (fonte unsplash)
Bambini che corrono (fonte unsplash)

Uno dei giochi più belli e soprattutto adatto ai bambini piccoli è Uno, due, tre… Stella.

LEGGI ANCHE: Giochi per bambini: perché averne pochi è un vantaggio?

Come i più grandi sanno un bambino di spalle inizia a contare fino a quando si gira di scatto e tutti gli altri suoi amichetti devono rimanere immobili, nel momento in cui pronuncia a squarciagola “Stellaaaa”. Nel caso in cui qualcuno si muovesse questo viene squalificato.

Un altro gioco divertentissimo è Il lupo mangiafrutta.

Un bambino a rotazione dovrà interpretare il lupo e pronunciare la fatidica frase: “Sono il lupo mangiafrutta”, a quel punto i suoi compagni gli chiederanno “Che frutta vuoi?” e il lupo inizierà a dire diverse tipologie di frutta finché non troverà quelle scelte dalla platea. Un gioco davvero emozionante che consente ai bambini di imparare un valore importante come l’onestà, perché se uno solo di loro dovesse mentire il gioco perderebbe valore.

Il classico dei classici, ovviamente, non può che essere il nascondino. In molti ci giocano anche in casa perché i nascondigli sono maggiori e si conoscono meglio, ma è il momento della corsa a cui bisogna stare attenti ed evitare di farsi male.

LEGGI ANCHE: Giochi per bambini: le costruzioni hanno innumerevoli benefici

Proprio per questo, il consiglio è di farlo sempre all’aperto in modo tale che i piccoli si possano svagare e correre quanto vogliono!

Sempre dal passato arrivano altri tre famosi giochi: Strega comanda color, Palla prigioniera e Rubabandiera.

In tutti questi i bambini devono correre per evitare di essere squalificati e rimanere il più possibile in gara.

Di certo questi giochi all’aperto non si addicono a bambini ancora in fasce, ma sono perfetti dai 5-6 anni in su perché i piccoli sono in gradi di comprendere meglio le dinamiche del gioco e farsi più furbi rispetto ai loro compagni.

Tali giochi, infatti, oltre ad insegnare l’onestà, attivano anche altri campi come quello della furbizia e dell’immaginazione perché, nella maggior parte di questi, più si usa il proprio raziocinio e più si ha la possibilità di superare gli altri e vincere.

Giochi del passato (fonte unsplash)
Giochi del passato (fonte unsplash)

LEGGI ANCHE: Giochi di legno per bambini | 10 motivi per comprarli

E voi unimamme avete mai fatto giocare i vostri bimbi in questo modo?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS